Attualità

I macchinisti del Frecciarossa ubriachi a Brescia

frecciarossa brescia macchinisti ubriachi

I macchinisti erano ubriachi e il treno è stato soppresso. Lo rende noto la Polfer, raccontando che il Frecciarossa 9604 che doveva partire alle 5.17 da Brescia per Napoli è stato “soppresso in stazione a Brescia perché i macchinisti erano ubriachi”, come è stato segnalato alla polizia ferroviaria dal capotreno.

I macchinisti del Frecciarossa ubriachi a Brescia

La Polfer è intervenuta insieme alla Polstrada per effettuare il test dell’etilometro, poi i 65 passeggeri sono stati trasferiti in treno a Milano Centrale per proseguire infine su un frecciarossa per Napoli. Le indagini sull’accaduto – aggiunge la Polfer di Brescia – sono in corso. La cancellazione del treno 9604 in partenza da Brescia alle ore 5.17 – i cui macchinisti erano ubriachi – “è stata disposta da Trenitalia dopo aver accertato la non idoneità dell’equipaggio alla conduzione del treno“, scrive in una nota l’azienda precisando che “verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale” e che “si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”.

Per quanto riguarda i 67 passeggeri in partenza da Brescia, nessuno “è stato fatto salire sul treno che è rimasto chiuso e inaccessibile. Tutti i clienti sono stati immediatamente trasferiti con un treno regionale alla stazione di Milano, per poi salire a bordo di un altro treno e raggiungere così la loro destinazione“. Un episodio simile, secondo Trenitalia, non si era mai verificato. “Con riferimento allo specifico episodio, mai registratosi in precedenza, – spiega l’azienda – Trenitalia verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale e si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”.

Leggi anche: Quello che Salvini non dice sulle folle oceaniche in Sicilia