Attualità

Ma davvero Mario Cattaneo è stato assolto per la legge di Salvini?

mario cattaneo salvini

Mentre i camionisti che pagano le accise, i pastori sardi, i poliziotti che aspettavano gli straordinari e quelli che volevano la flat tax sono rimasti a bocca asciutta, ieri Matteo Salvini si è preso il merito dell’assoluzione di Mario Cattaneo, l’oste che aveva sparato e ucciso un ladro a Casaletto Lodigiano.

Ma davvero Mario Cattaneo è stato assolto per la legge di Salvini?

Secondo Salvini l’oste è stato assolto per la legge sulla legittima difesa varata dalla Lega con la collaborazione del MoVimento 5 Stelle in questa legislatura. Ma ieri è uscita solo la sentenza, e per conoscere le motivazioni tecniche che hanno fatto decidere al giudice bisognerà ancora attendere mesi. Ma già da ora, secondo gli addetti ai lavori, sembra più che verosimile che la nuova legge sulla legittima difesa c’entri poco, se non nulla, con la sentenza: sia il procuratore di Lodi, Domenico Chiaro, sia lo stesso legale di Cattaneo, ipotizzano che la nuova normativa possa non aver avuto alcun effetto in tal senso.

mario cattaneo salvini

Il legale di Cattaneo ne ha parlato in una dichiarazione rilasciata all’AdnKronos ieri sera:

La riforma della legittima difesa voluta dal governo gialloverde “teoricamente” non è stata applicata nella sentenza del tribunale di Lodi che oggi ha assolto con formula piena Mario Cattaneo, l’oste di Casaletto Lodigiano che nel marzo dl 2017 sparò contro i ladri che si erano introdotti nel suo locale, uccidendone uno. “Teoricamente non c’entra”, spiega l’avvocato di Cattaneo, Vincenzo Stochino, contattato dall’Adnkronos. “La procura ha escluso nella requisitoria che potesse trovare applicazione una delle esimenti previste dalla riforma. Poi dipende da cosa ha pensato il giudice e per questo bisogna attendere le motivazioni”, sottolinea.

Il legale ha specificato che «le ricostruzioni di Cattaneo hanno trovato riscontro nelle prove scientifiche, le prove balistiche hanno confermato la traiettoria del tiro e le prove biologiche
confermano che l’arma è stata strattonata perché in due punti è stato trovato un Dna terzo». La stessa interpretazione la fornisce anche il procuratore di Lodi, Domenico Chiaro, a Repubblica: «In attesa di leggere le motivazioni è più probabile che la nuova legge sulla legittima difesa non abbia avuto rilevanza. Il giudice di solito dà ragione o all’accusa o alla difesa, e probabilmente avrà recepito la tesi della difesa ed è chiaro che, se così fosse, la nuova legge non c’entrerebbe».

Leggi anche: Mario Cattaneo: assolto l’oste di Casaletto Lodigiano