Attualità

L'uomo fermato a Nimes e la sparatoria inventata

nimes sparatoria

Un uomo sarebbe stato fermato in seguito all’operazione di controllo della polizia a Nimes, mentre un altro sarebbe ricercato. Lo riportano i media francesi citando fonti di polizia. Secondo le fonti l’uomo fermato aveva una pistola a salve nello zaino. I controlli sarebbe scattati in seguito ad un segnalazione sulla presenza di un uomo armato alla stazione. Non è chiaro se ci sia un collegamento con i fatti di Barcellona.

L’uomo fermato a Nimes e la sparatoria inventata

Un’ora fa si era diffusa la notizia di una sparatoria scatenata da tre uomini scesi da un treno. La circostanza è stata in seguito smentita dalla polizia di Nimes. La Prefettura della provincia di Gard, da cui dipende la città, ha riferito che “è finita la situazione di allarme ed è imminente il ritorno alla normalità nella stazione”. Prima sempre la prefettura aveva smentito che  fossero  stati esplosi “colpi di arma da fuoco nella stazione” salvo aggiungere che “sono in corso verifiche” e chiedendo alle persone in zona di “evitare la stazione di Nimes per consentire di completare le operazioni di verifica”.
nimes sparatoria 1
Un uomo è stato arrestato perché corrispondeva alle indicazioni fornite da un testimone. Nel suo zaino è stata trovata una pistola da starter per gare di ateltica leggera, in grado di sparare solo un singolo colpo a salve. In precedenza il quotidiano sportivo spagnolo Marca aveva scritto sul suo sito che erano stati arrestati i tre uomini che hanno aperto il fuoco poco prima delle 21 nella stazione ferroviaria di Nimes.


Visto che ci sono ancora ricercati per l’attentato di Barcellano, all’inizio si era pensato che a Nimes potesse essere arrivato qualcuno implicato nell’attentato alle Ramblas. Per adesso non c’è nessuna ipotesi che vada in questa direzione in Francia. L’allarme a Nimes è scattato in una città blindatissima che oggi ha ospitato la partenza della Vuelta, il Giro di Spagna, evento al quale ha partecipato anche il ministro dell’Interno Gérard Collomb. Un dispositivo di sicurezza massiccia è stato organizzato per garantire l’evento sportivo, dopo gli attentati avvenuti in Spagna.