Attualità

Le nove vittime al giorno nelle strade italiane

neXt quotidiano|

incidente monteverde colli portuensi 3

In Italia le vittime delle strade sono 9 al giorno: un bollettino di guerra che illustra oggi La Stampa in un dossier che spiega come la prima causa degli incidenti sia la guida sotto gli effetti di stupefacenti:

«Non parliamo di persone che nei giorni precedenti al controllo avevano fatto uso di droghe e sui quali si rilevano le tracce di certo sostanze – spiega Giovanni Busacca, direttore centrale della Polizia stradale – Nel corso del 2019 abbiamo avuto 377 casi in cui gli automobilisti fermati e controllati erano chiaramente sotto gli effetti degli stupefacenti. Tutto ovviamente dimostrato dai test medici». Nel bilancio annuale della vigilanza stradale, i dati col segno più compaiono in quasi tutte le colonne e questo dimostra che il numero delle infrazioni cresce continuamente. Il dato più alto, che vale una crescita del 35 per cento rispetto all’anno precedente, è quella che interessa l’eccesso di velocità.

Altro dato preoccupante, ovviamente con un aumento del numero di sanzioni, quello che riguarda l’uso dello smartphone durante la guida: le violazioni accertate da polizia e carabinieri, in questo caso, sono state più di 70 mila, con un aumento delle multe del 15 per cento. «Le distrazioni – aggiunge il responsabile nazionale della Polizia stradale – sono certamente la principale causa degli incidenti stradali, anche di quelli mortali. Il problema interessa tutti gli utenti della strada, che vanno per le strade rischiando la vita pur di non togliere lo sguardo dal cellulare e dalle chat». Del caso dovrà occuparsi anche il Parlamento: «Abbiamo chiesto al legislatore di poter intervenire con sanzioni più mirate – aggiunge Busacca – Attualmente è solo prevista una sanzione economica e una decurtazione di punti: vorremmo che venisse prevista anche la sospensione della patente e il sequestro del cellulare».

strade italiane incidenti
I numeri delle strade italiane (La Stampa, 31 dicembre 2019)

I denunciati per guida in stato di ebbrezza, nel corso dell’anno che va in archivio, sono stati in tutto 23.800. I positivi al test dell’etilometro aumentano, prevedibilmente, nel corso del fine set
timana, quando le pattuglie organizzano piani di prevenzione molto più imponenti. In questo caso, si legge nei report di fine anno, quasi il 6 per cento dei conducenti controllati aveva superato il limite previsto per la percentuale di alcol nel sangue. Sanzioni e denunce fatte scattare durante le operazioni contro le “stragi del sabato sera” includono anche altri 165 mila casi di automobilisti sorpresi in viaggio senza la cintura di sicurezza.

Leggi anche: Banca Popolare di Bari: 1,4 miliardi per il salvataggio