Attualità

Le due donne identificate per aver cantato “Bella Ciao” durante un comizio di Salvini

marcella iepori katia cerulli

Identificate da agenti in borghese perché cantavano “Bella Ciao” in occasione del comizio del ministero dell’Interno Matteo Salvini a Tortolì, in Ogliastra, in occasione del suo tour in Sardegna. Lo denuncia l’Anpi Sardegna che “nell’esprimere piena solidarietà e vicinanza alle avvocate Marcella lepori e Katia Cerulli, manifesta sdegno e viva riprovazione per il grave fatto accaduto”.

marcella iepori katia cerulli

“A debita distanza dal comizio, le due avvocate mentre cantavano la canzone partigiana ‘Bella ciao’ come espressione di legittimo e democratico dissenso, sono state fermate ed identificate da agenti di polizia in borghese – denuncia anche in un post su Fb Marco Sini coordinatore regionale dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia – Alla richiesta di spiegazioni delle due avvocate, gli agenti hanno risposto che si trattava di controlli a campione”. “Purtroppo – prosegue Sini – nel nuovo clima politico nel quale vengono sdoganate le manifestazioni di apologia del fascismo non è la prima volta che in questo periodo la polizia ferma e identifica partecipanti a manifestazioni tutelate dalla Costituzione e regolarmente autorizzate”. ANPI Sardegna nel confermare piena solidarietà e vicinanza a Marcella Lepori e Katia Cerulli continuerà ad impegnarsi per la difesa delle libertà di manifestazione del pensiero garantita dalla Costituzione della Repubblica e per contrastare ogni espressione di rigurgiti neofascismi, di razzismo e xenofobia.

Leggi sull’argomento: Tutte le volte che Di Maio ha attaccato Renzi e Boschi per le colpe dei padri