Economia

«Decreto Dignità, il 30% delle imprese non rinnoverà i contratti»

decreto dignità relazione tecnica 8000 occupati in meno - 2

“Con riferimento al Decreto Dignità, il 30% delle imprese” del settore metalmeccanico “non rinnoverà, alla data di scadenza, i contratti a tempo determinato in essere”. Lo afferma Federmeccanica nel comunicato relativo alla sua Indagine congiunturale sull’Industria Metalmeccanica.

«Decreto Dignità, il 30% delle imprese non rinnoverà i contratti»

Il settore si trova in sostanziale stagnazione. Nel terzo trimestre dell’anno la variazione congiunturale è risultata pari al +0,1% dopo il -0,6% del primo e il +0,8% del secondo mentre in termini tendenziali il tasso di crescita si è ridotto all’1% nel trimestre estivo rispetto a dinamiche medie di poco superiori ai 4,5 punti percentuali realizzati nel corso della prima metà dell’anno. Nell’indagine si sottolinea che “i volumi prodotti risultano inferiori del 22% rispetto a quelli che si realizzavano prima della recessione del 2008-2009”. Pesa “la contrazione del tasso di crescita dei consumi delle famiglie e della domanda per beni d’investimento oltre al rallentamento della domanda mondiale, che incide negativamente sulle esportazioni del settore metalmeccanico che indirizza all’estero oltre la metà delle proprie produzioni”, spiega Federmeccanica.

tabella decreto dignità
La tabella del Decreto Dignità rielaborata da Repubblica (16 luglio 2018)

Nel terzo trimestre il tasso tendenziale di crescita dell’export è stato pari, in valore, al +2,9% rispetto al +6,5% evidenziato nell’ultimo trimestre del 2017, aggiunge Federmeccanica, spiegando che complessivamente nei primi nove mesi del 2018, i flussi di produzione indirizzati ai mercati esteri sono cresciuti del 3,2% rispetto al + 3,8% delle importazioni, mentre il saldo dell’interscambio ha evidenziato un attivo pari a circa 39 miliardi di euro collocandosi sugli stessi livelli del precedente anno.

Leggi sull’argomento: I danni della strategia da “bimbominkia” del ministro Salvini