Economia

I precari sono sempre più precari

record storico lavoro precario 1

I precari sono sempre più precari nonostante il Decreto Dignità. I posti di lavoro aumentano ma all’interno dell’incremento a crescere di più sono i contratti a termine, come era chiaro anche qualche tempo fa e nonostante la propaganda ridicola di Di Maio. Racconta oggi Repubblica:

Quanto ai dati sul lavoro, l’ Istat conferma la crescita degli occupati per il quinto anno consecutivo, sono 192.000 in più nel 2018, con il tasso di occupazione che ritorna ai livelli precrisi (58,6%). Si accentuano i divari, il tasso di disoccupazione del Mezzogiorno è il triplo di quello del Nord.

Scendono anche i disoccupati e gli inattivi, ma già il quarto trimestre risente del calo del prodotto interno lordo: ci sono 36.000 occupati in meno rispetto al trimestre precedente.

occupati contratti a termine
Occupati e contratti a termine, dati INPS (La Repubblica, 14 marzo 2019)

Soprattutto, il dato che emerge è quello della scarsa qualità dell’occupazione: nel confronto annuo nel quarto trimestre crescono solo i dipendenti a termine, la cui incidenza sale dell’1,1% sul 2017. Rallenta inoltre la crescita degli occupati a tempo pieno, aumenta il part time involontario. I precari sono sempre più precari: l’Istat parla di «diminuzione di permanenza nell’occupazione», soprattutto per la fascia di età 15-24 anni.

Il tasso di disoccupazione dei giovani continua a rimanere un record negativo in Europa, ricorda, alla Bocconi, Benoit Coeurè, membro del consiglio esecutivo della Bce: «Il tasso di disoccupazione giovanile è due volte quello totale, e nei Paesi colpiti più duramente dalla crisi rimane intollerabile con tassi sopra il 30% in Italia e Spagna e vicini al 40% in Grecia».

Leggi anche: Le foto hot di Giulia Sarti nelle chat dei deputati