Economia

Concorsi pubblici, il rinvio delle assunzioni a novembre 2019

maria teresa zampogna giulia bongiorno

Slittano al novembre del 2019 le assunzioni della Pubblica Amministrazione. La notizia, annunciata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, viene sostanzialmente confermata dal ministro della Funzione Pubblica Giulia Bongiorno: «In relazione ai tempi necessari per concludere le procedure concorsuali che si avvieranno nel 2019, le assunzioni delle amministrazioni centrali partiranno dal 15 novembre 2019», dice il ministro, replicando alle critiche dei sindacati. Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa denunciano infatti come il governo abbia fatto «molta propaganda sulle assunzioni nella Pubblica Amministrazione e ora, a dispetto di un Ddl che ha voluto chiamare “concretezza”, fa un passo indietro negando se stesso». «La verità è che hanno sbagliato la manovra – contesta la segretaria della Fp Cgil Serena Sorrentino – e ora, dopo il richiamo dell’Europa, fanno pagare il prezzo dei loro errori ai lavoratori e ai cittadini».

assunzioni novembre 2019
Le previsioni sulla crescita (Il Messaggero, 20 dicembre 2019)

Non vengono invece toccate le risorse stanziate per il rinnovo dei contratti pubblici e non cambia nemmeno la norma che ripristina a partire dal prossimo anno il turn over al 100 per cento nella pubblica amministrazione (ovvero la piena sostituzione dei lavoratori che lasciano il servizio per la pensione). In questo caso, come precisato dallo stesso ministro, le assunzioni collocate nel 2020 potranno decorrere dal mese di gennaio.

Leggi sull’argomento: Clausola di salvaguardia IVA: perché l’intesa con l’UE ci costa 38 miliardi