Attualità

Bollettino Coronavirus Lazio oggi: i dati della Regione per il 2 ottobre

La situazione del Coronavirus nel Lazio che dopo i 265 casi e 5 decessi di ieri sta peggiorando. Mentre Zingaretti ha emesso un’ordinanza che obbliga a tenere la mascherina anche all’aperto ecco i dati del bollettino della Regione di oggi: 264 casi e 5 decessi

bollettino coronavirus lazio oggi 2 ottobre dati regione lazio covid

La situazione del Coronavirus nel Lazio che dopo i 265 casi e 5 decessi di ieri sta peggiorando. Mentre Zingaretti ha emesso un’ordinanza che obbliga a tenere la mascherina anche all’aperto ecco i dati del bollettino della Regione di oggi: 264 casi e 5 decessi. 115 casi sono a Roma.

Bollettino Coronavirus Lazio oggi: i dati della Regione per il 2 ottobre

Nella Asl Roma 1 sono 51 i casi nelle ultime 24 ore e di questi un caso con link dalla Sicilia, ventotto sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl Roma 2 sono 44 casi  e tra questi venticinque sono i contatti di casi già noti e isolati, quindici i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano tre decessi. Nella Asl Roma 3 sono 20 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di un caso di rientro dall’Egitto e dieci sono i contatti di casi già noti e isolati. Si registra un decesso. Nella Asl Roma 4 sono 18 i casi  e si tratta di dodici contatti di casi già noti e isolati e cinque casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 5 sono 36 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di sedici casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl Roma 6 sono 33 i casi  e si tratta ventinove contatti di casi già noti e isolati. Si registra un decesso. Nelle province si registrano 62 casi e zero decessi nelle ultime 24 ore. Nella Asl di Latina sono ventisette i casi e si tratta di un caso con link dalla Lombardia, uno dal Brasile, due dalla Spagna e due dalla Tunisia. Diciotto i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Frosinone si registrano diciassette casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Viterbo si registrano otto casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti sono dieci i casi e si tratta di sette contatti di casi già noti e isolati e un caso con link dalla Sardegna.

bollettino coronavirus lazio oggi 2 ottobre dati regione lazio covid 1
Il bollettino della Regione sulla situazione del Coronavirus nel Lazio ieri

Inizierà dalla prossima settimana il progetto pilota dei test salivari nelle prime scuole del Lazio per le fasce di età fino ai 13 anni che riguarderà le scuole dell’infanzia, quelle elementari e medie. A presentarli sono stati questa mattina all’Inmi Spallanzani di Roma il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito e il direttore sanitario Francesco Vaia. “L’obiettivo è quello di potenziare l’attività di screening nelle scuole. Nella fascia di età superiore ai 13 anni con l’utilizzo dei test antigenici rapidi e il prelievo naso-faringeo, come si sta già facendo, e per i più piccoli con l’utilizzo dei test antigenici con prelievo salivare”, spiega la Regione Lazio. Come funziona il test? Il prelievo avverrà nella mattina e i campioni prelevati saranno elaborati nei laboratori autorizzati, in questo caso quello del San Camillo, e in serata ci sarà la conferma di negatività o positività. In caso di positività verrà tempestivamente avvisata la famiglia e partiranno le attività di ‘contact tracing’ e di isolamento”. Mentre il bollettino dello Spallanzani di oggi  dice che in questo momento sono ricoverati  “137 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2”. Sono salite a “16 le persone che necessitano di terapia intensiva”, una in più rispetto a ieri, c’è chi contesta l’ordinanza sull’obbligo di mascherine all’aperto: i consiglieri regionali di FdI attaccano “Zingaretti ha imposto l’obbligo di tenere la mascherina sul volto anche alle persone che si trovano all’aperto da sole o in compagnia di congiunti. Sarebbe stato più logico garantire l’applicazione corretta delle norme anti contagio già in vigore, per esempio attuando misure più efficaci per prevenire gli assembramenti. Questa ulteriore restrizione delle libertà personali avrà un impatto pesante sulle persone e non può essere semplicemente imposta con una ordinanza, come ha fatto la giunta Zingaretti, ma deve avere un fondamento scientifico. Su quali studi si basa l’ordinanza? Quali sono i dati sui ricoverati e sulle attuali effettive capacità di cura del Covid negli ospedali regionali? Su tali questioni dovrà rispondere la maggioranza nel Consiglio straordinario di mercoledi’”

Leggi anche: Bollettino Coronavirus Italia oggi: i dati della Protezione Civile per il 2 ottobre