Attualità

Boccia positivo al Coronavirus ha incontrato Conte sabato scorso

Il ministro per gli Affari regionali  Francesco Boccia ha annunciato su Facebook di essere positivo al Coronavirus. E sabato scorso ha incontrato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

francesco boccia positivo incontro conte sabato covid

“È arrivata la notizia che temevo: sono anch’io positivo al SARS-CoV-2. Sono completamente asintomatico e, per fortuna, come da protocollo, sono già in isolamento da giorni. Il virus purtroppo è tra noi e ci colpisce nei luoghi in cui ci sentiamo più al sicuro, come in casa. Siate tutti responsabili, prudenti e rigorosi: usate la mascherina e mantenete le distanze. Io intanto mi rimetto al lavoro”: così il ministro per gli Affari regionali  Francesco Boccia ha annunciato su Facebook di essere positivo al Coronavirus. E Repubblica spiega che sabato scorso ha incontrato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte:

francesco boccia

Ma il suo è stato un contagio familiare, come accade a decine di migliaia di italiani. Nei giorni scorsi sua moglie, l’ex parlamentare del centrodestra Nunzia de Girolamo, aveva infatti annunciato di essere positiva, con lievi sintomi, dopo essere stata con la sua famiglia in Campania. «Il virus purtroppo è tra noi e ci colpisce nei luoghi in cui ci sentiamo più al sicuro, come in casa» ha detto ieri il ministro. Boccia era risultato negativo a un primo tampone, ma si era comunque messo in isolamento fiduciario subito dopo che i suoi familiari avevano avuto i primi sintomi. Sabato aveva partecipato ad alcuni incontri, anche con il presidente Giuseppe Conte. Ma da domenica era a casa, in isolamento fiduciario. «Ho seguito tutto in video conferenza». I sanitari hanno mappato tutti i suoi ultimi contatti: a Chigi sono ormai vecchi di una settimana, e dunque si ritiene non ci sia alcun pericolo. Sono invece stati effettuati controlli ai dipendenti del suo piano al ministero, ma tutti sono risultati negativi.

Leggi anche: La rivolta a Napoli contro il lockdown e gli scontri con la Polizia