Economia

Alitalia, Atlantia si avvicina con i Benetton

alitalia toninelli

Dopo la sconfitta del MoVimento 5 Stelle il dossier AlitaliaAtlantia si riapre. E i Benetton sembrano più vicini a via della Magliana visto che il salvataggio della compagnia va definito in poco più di due settimane, ovvero entro il 15 giugno, data entro la quale Ferrovie deve  presentare la sua proposta definitiva per l’acquisizione. E sul tavolo, di là dei tentativi di depistaggio, tra i possibili partner c’è solo la carta Atlantia. Spiega il Messgaero che del resto il corteggiamento al gruppo dei Benetton da parte di Fs è iniziato da tempo e, se possibile, si è intensificato nelle ultime ore.

Per la verità, lo spostamento del termine al 15 giugno per la presentazione dell’offerta vincolante da parte dell’ad di Fs Gianfranco Battisti, slittamento voluto proprio da Di Maio poco prima della consultazione elettorale, va proprio in questa direzione. Probabilmente i 5 Stelle pensavano di poter negoziare da una posizione di maggior forza o comunque di trovare delle alternative. Invece si trovano a rincorrere se vogliono sul serio far partire la cordata italiana.

quanto ci costa ogni giorno alitalia
Quanto ci costa ogni giono Alitalia (La Repubblica, 18 maggio 2019)

Non è un mistero, tra l’altro, che anche il colosso Delta, che rileverebbe una quota del 15% (la stessa percentuale che finirebbe in mano al Mef), ha quasi perso la pazienza dopo mesi di discussioni.

A tenere la trattativa viva è rimasta di fatto solo Fs, regista dell’operazione, che ha continuato a limare il piano industriale, condividendo in maniera non ufficiale proprio con Atlantia gli obiettivi strategici: incremento dei voli intercontinentali, potenziamento della flotta sul lungo raggio, focalizzazione sulle sinergie treno-aereo e sviluppo di Fiumicino.

Leggi anche: Il M5S mette Di Maio sotto tutela