Attualità

I vigili della Raggi multano la piazza di Renzi

Il Fatto Quotidiano racconta oggi in un articolo a firma di Andrea Managò che lunedì scorso, 8 novembre il Comitato Basta un sì si è visto recapitare una multa da parte della Polizia Municipale capitolina. L’oggetto del contendere: una violazione commessa durante il comizio organizzato il 29 ottobre nella centralissima piazza del Popolo per il Sì al referendum costituzionale.

“È DECADUTA l’autorizzazione rilasciata a causa del mancato rispetto della distanza minima da mantenere dalla base della fontana dei Due Leoni”, si legge nel verbale della polizia municipale. Ovvero, parte delle impalcature erano troppo vicine al monumento che domina il centro della piazza capitolina. Sembra ci fosse una tribuna stampa allestita non correttamente. Una scelta compiuta, forse, per fornire un colpo d’occhio diverso nelle riprese, facendo sembrare che l’adunata fosse più piena del reale. Tanto da giustificare i titoli di alcuni quotidiani “il Pd di Renzi riempie piazza del Popolo”. Comunque sia andata, a parlare sono le carte, in questo caso le multe. Il permesso rilasciato dagli uffici del Campidoglio era per un’impalcatura centrale di 302 metri quadrati, più altre cinque pedane e diciannove gazebo.

fontana leoni piazza popolo
La fontana dei leoni in piazza del Popolo (fonte)

 

E il mancato rispetto delle distanze, spiega il verbale, ha “reso nulle tutte le autorizzazione legate al l’occupazione di suolo pubblico”. Così sono state ben due le sanzioni elevate nei confronti dei curatori della manifestazione: Massimo Gramigni per il Comitato referendario e Daniele Palmisano dei democratici. Il primo è il presidente del Mandela Forum e del consiglio di amministrazione del Teatro Obihall di Firenze, un fedelissimo delpremier chegestisce palchi per eventi dalla fine degli anni Settanta e spesso ospita i comizi di Renzi. L’altro invece è un ex consigliere municipale romano che si era occupato solo di ottenere i permessi. Niente sanzioni faraoniche comunque: una da 182,88 e l’altra da 63,88 euro. Un cifra quasi simbolica.

Leggi sull’argomento: Referendum, la navetta rallenta davvero il percorso delle leggi?