Attualità

Sonia Di Maggio: la ragazza uccisa dall’ex per difendere il fidanzato

Colpita da coltellate alla gola, al petto e all’addome Sonia Di Maggio è morta dopo l’aggressione dell’ex. Dopo la caccia all’uomo durata tutta la notte lui è stato fermato mentre cercava di fuggire dal Salento

sonia di maggio ragazza uccisa coltellate lecce

Si chiamava Sonia di Maggio la ragazza di Lecce accoltellata dall’ex, un 39enne di Torre Annunziata. Ieri sera intorno alle 19 mentre passeggiava a Minervino di Lecce con il suo fidanzato lui ha provato a colpirlo e lei gli si è parata davanti facendogli scudo. E perdendo la vita. L’aggressore è fuggito a piedi ed è stato fermato questa mattina mentre a piedi cercava di raggiungere un mezzo con il quale allontanarsi dal Salento. Repubbica ricostruisce l’accaduto. L’ex di Sonia aveva viaggiato da Napoli fino alla Puglia perché non accettava che lei lo avesse lasciato e si fosse rifatta una vita:

Stando ad una prima ricostruzione la vittima ed il suo nuovo fidanzato (un giovane del posto, suo coetaneo) sarebbero stati aggrediti nei pressi dell’abitazione in cui convivevano dall’ex compagno di lei, originario della provincia di Napoli, che li avrebbe colti di sorpresa alle spalle, brandendo un coltello. A quanto pare Sonia avrebbe anche cercato di proteggere col suo corpo il nuovo compagno preso di mira dall’ex fidanzato. E proprio nel tentativo di fare da scudo la ventinovenne sarebbe stata raggiunta da numerose coltellate alla gola, al petto e all’addome. Fendenti micidiali che l’hanno lasciata a terra senza vita. È invece rimasto illeso il nuovo fidanzato.

Proprio la mamma del fidanzato di Sonia Di Maggio ha raccontato il tentativo della ragazza di difendere suo figlio. E anche le minacce di morte che l’ex avrebbe fatto loro. Secondo quanto racconta il Corriere l’uomo sarebbe stato dimesso qualche mese fa dall’ospedale psichiatrico di Aversa ed era senza fissa dimora.