Attualità

A cosa serve la cannabis terapeutica

Sono nove le Regioni italiane ad aver approvato specifiche leggi regionali per l’utilizzo dei farmaci a base di cannabinoidi per la terapia del dolore e altre cure (Veneto, Toscana, Liguria, Marche, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Abruzzo, Sicilia e Umbria). È garantito il rimborso per i pazienti affetti da specifiche malattie, sclerosi multipla e Sla in testa. In uno stabilimento chimico militare di Firenze sarà l’esercito italiano a produrre marijuana per scopi terapeutici. Il Corriere della Sera spiega oggi che in Toscana, la prima delle regioni ad adeguarsi, la terapia sarà gratuita e si potrà richiedere attraverso il medico di famiglia:

Almeno sette Regioni hanno dato una svolta al progetto di rendere realmente gratuiti i farmaci a base di cannabinoidi. Annunci con scarso seguito che hanno cambiato poco la vita dei cittadini. In Toscana si è molto dato da fare Paolo Pini, responsabile del servizio di terapia del dolore all’ospedale di Pisa, 500 pazienti in trattamento, la maggiore casistica in Italia: «È un grande risultato. Servono da 30 a 120 euro al mese per il farmaco necessario in tante situazioni,ad esempio più efficace l’azione di altri antidolorifici e diminuire gli effetti collaterali». Ma il vero giro di boa sarà l’avvio della coltivazione fiorentina.«Oggi appena un decimo delle persone che ne avrebbero bisogno prendono le preparazioni a base di erba olandese», calcola Francesco Crestani, presidente dell’Associazione cannabis terapeutica.

cannabis terapeutica

Leggi sull’argomento: Da dove viene (e dove va) la marijuana