Attualità

Quasi la metà degli italiani non vuole vaccinarsi con Astrazeneca

Oggi un sondaggio di Fabrizio Masia ad Agorà sonda quanta fiducia c’è ancora nel vaccino Astrazeneca dopo il nuovo pronunciamento di EMA e la raccomandazione affinché venga somministrato agli over 60

Circolare Ministero su Astrazeneca

Oggi un sondaggio di Fabrizio Masia ad Agorà sonda quanta fiducia c’è ancora nel vaccino Astrazeneca dopo il nuovo pronunciamento di EMA e la raccomandazione affinché venga somministrato agli over 60

Quasi la metà degli italiani non vuole vaccinarsi con Astrazeneca

Alla domanda “Quando sarà il suo turno lei accetterà di vaccinarsi con Astrazeneca?” ben il 43% degli intervistati risponde negativamente, e un’altra fetta significativa, il 22% preferisce non rispondere. Solo il 35% degli italiani coinvolti nel sondaggio è favorevole a vaccinarsi con il prodotto anglo svedese.

sondaggio vaccino astrazeneca

Il sondaggio di oggi va confrontato con quello del 25 marzo: all’epoca vi avevamo raccontato di varie rilevazioni che testimoniavano la psicosi generale generata dallo stop del vaccino. Ad esempio secondo un sondaggio di Piazzapulita il 61,4% degli italiani intervistati dichiarava che non si sarebbe vaccinato, nonostante le rassicurazioni dell’Agenzia europea del farmaco, contro il 32,2% che, invece, si sentirebbe rassicurato. Di poco diversi i risultati di un sondaggio di Pagnoncelli a Dimartedì: ben il 44% degli italiani rifiutava l’idea di vaccinarsi con le dosi della casa farmaceutica interessata dalla sospensione poi revocata. Per fortuna quasi un terzo degli intervistati la pensava diversamente e sarebbe andata di corsa a farsi iniettare una fiala, indipendentemente dal marchio. Il 25 marzo Fabrizio Masia aveva spiegato che, a distanza di una settimana, la percentuale degli italiani scettici sulla vaccinazione era scesa di 10 punti con il 52% degli intervistati a porsi il problema.

sondaggi vaccini chi rifiuta

Quindi anche se il risultato del sondaggio è comunque sconfortante bisogna sottolineare che la percentuale degli italiani scettici è diminuita ancora.