Attualità

Moussa Oukabir, Mohamed Hichami, Said Aallaa e Younes Abouyaaqoub: i quattro sospetti di Barcellona

moussa oukabir said aallaa mohamed hychami younes abouyaaqoub

La polizia catalana è a caccia di quattro persone collegate agli attentati in Spagna: si tratta di Moussa Oukabir (17 anni), Mohamed Hychami (24), Younes Abouyaaqoub (22), di Ripoll, e Said Aallaa (18), di Ribes de Freser. Tutti e quattro hanno origini marocchine. Lo scrive La Vanguardia pubblicando la loro foto segnaletica. I quatro hanno rispettivamente 17, 24, 22 e 18 anni.
moussa oukabir said aallaa mohamed hychami younes abouyaaqoub
Il bilancio degli attentati jihadisti di Barcellona e Cambrils, secondo fonti sanitarie catalane, è di 14 morti e 126 feriti. Nell’attacco alla Rambla i morti sono 13 e una donna e’ deceduta a Cambrils; i feriti sono rispettivamente 120 e 6. 61 feriti complessivamente sono stati dimessi dagli ospedali, mentre i ricoverati sono 65 dei quali 17 in condizioni critiche e 28 in condizioni gravi. I ricoverati si trovano in ospedali di Barcellona e Tarragona. Quattro persone sono state arrestate, tra cui Driss Oukabir che si è presentato ieri alla polizia sostenendo di aver subito il furto del documento con cui è stato affittato il furgone FIAT usato per la strage. Un altro detenuto è il fratello della persona alla guida dell’auto AUDI che ha colpito a Cambrils e il quarto è un individuo ferito nell’esplosione di Alcanar, che si chiama Mohamed Houli ed è di nazionalità marocchina come gli altri due. Tra i due detenuti c’è uno spagnolo di Melilla.

moussa oukabir driss oukabir
Moussa Oukabir e Driss Oukabir

Intanto si è scoperto che Driss Oukabir – fratello di Moussa, sospettato di essere il conducente del furgone della strage di Barcellona – era stato in Italia nell’estate 2014, ospite per alcuni giorni di una donna di Viterbo che aveva conosciuto in precedenza in Spagna. La donna è stata rintracciata dalla polizia che l’ha sentita già ieri: agli investigatori ha confermato che la permanenza di Driss è stata solo una vacanza. Secondo gli inquirenti, l’episodio non è in alcun modo collegato alla strage di ieri e ad altri fatti di terrorismo.