Attualità

La doppia esplosione davanti alle Poste di via Marmorata a Roma

poste via marmorata

Esplosione in strada a Roma, in viale Aventino, nei pressi delle Poste. Sul posto i vigili del fuoco. Dalle primissime informazioni sembra sia stata danneggiata un’auto. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: da una bomba carta a un pacco bomba. L’esplosione si sarebbe verificata davanti alle Poste che si trovano in via Marmorata, dalle parti del Circo Massimo. Si parla di due ordigni radiocomandati e quindi di una doppia esplosione simultanea per i due ordigni. Si parla anche di un altro allarme bomba al Circo Massimo.
viale aventino roma

L’esplosione davanti alle Poste di via Marmorata a Roma

Dalle prime informazioni sembra che l’esplosione si sia verificata nei pressi dell’ingresso laterale delle Poste di via Marmorata, nel quartiere Aventino. Sul posto vigili del fuoco, polizia e artificieri. L’area è stata transennata. Al momento non si registrano feriti. Secondo alcune testimonianze le esplosioni sarebbero state due, una più potente e un’altra più ridotta. I primi accertamenti parlano di un ordigno rudimentale posto in una scatola di plastica messa tra due auto parcheggiate, una di queste è un furgoncino delle poste. Secondo quanto si è appreso, il pacco era in plastica e aveva dentro due bottigliette con del liquido, probabilmente benzina, e un timer. A quanto accertato, ci sono state due esplosioni da quell’unico ordigno.


La questura fa sapere che si trattava di un ordigno ornamentale piazzato tra due automobili. “L’area è stata delimitata e sul posto sono intervenuti gli artificieri e i cani Atf per le bonifiche. Polizia scientifica sul posto per i rilievi di competenza”. L’area è stata transennata. Sul posto la polizia con gli artificieri e unità cinofile che stanno bonificando la zona. In corso i rilievi della polizia scientifica. Non si registrano feriti. Alcune auto hanno riportato danni.
poste via marmorata
“Abbiamo sentito un forte boato”, racconta all’AdnKronos una testimone che lavora di fronte all’ufficio postale di via Marmorata a Roma, teatro questa mattina dell’esplosione di due ordigni. “Pensavo – aggiunge – fosse un mobile caduto dal piano superiore. Non ho visto fiamme, ma il botto è stato forte”. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo. I magistrati di piazzale Clodio attendono una informativa da parte delle forze dell’ordine intervenute.

“Era situato nel parcheggio di servizio dei dipendenti dell’ufficio postale” l’ordigno che è esploso questa mattina in via Marmorata 4. Lo ha riferito Franco Zelinotti, il funzionario di turno dei vigili del fuoco che si trova sul posto. “L’ordigno si trovava in una scatola di plastica – ha aggiunto – Nessuna persona dell’utenza è rimasta ferita o toccata dall’esplosione”. I vigili del fuoco hanno una caserma proprio davanti all’ufficio postale di via Marmorata, dall’altro lato della strada, e sono giunti sul posto subito dopo “aver sentito una piccola esplosione”. “Siamo intervenuti con un estintore – ha aggiunto – perchè l’esplosione aveva provocato una piccola fiammella”.
Nell’ordigno esploso nel parcheggio nel parcheggio di via Marmorata c’erano tracce di liquido infiammabile, tipo benzina. Così Massimo Improta, responsabile dell’ufficio generale prevenzione e soccorso pubblico della polizia di Stato, in via Marmorata dove questa mattina c’è stata un’esplosione nel parcheggio dell’ufficio postale. “Era un piccolo ordigno e probabilmente il contenuto massimo di liquido raggiunge un litro – ha aggiunto il dirigente della Polizia – L’ordigno non era posizionato per incendiare una macchina: era a terra in un posto vuoto tra due auto in sosta, quindi avrebbe potuto colpirle, ma senza causare eccessivi danni”. La segnalazione è arrivata alle 9.15 e sul luogo sono stati trovati un congegno elettrico con batteria e temporizzatore. Gli investigatori stanno inoltre esaminando le riprese delle telecamere poste nel parcheggio per individuare chi ha piazzato l’ordigno. Sono in oltre in corso comparazioni con il materiale repertato in relazione ad un episodio analogo avvenuto qualche giorno fa sempre in parcheggio di poste italiane in via Laurentina.