Economia

Investimenti: su cosa puntare per il 2019?

investimenti 2019

Oramai anche l’anno 2018 è quasi passato e se si vuole realizzare un investimento che sia redditizio e promettente, anche in vista del 2019, è il momento giusto per farlo.

Ogni investitore può optare sia per gli investimenti di breve termine che per quelli di medio-lungo termine: tutto dipende dalle nostre scelte in materia di gestione del risparmio, dal nostro livello di conoscenza in materia di finanza e di investimenti e, soprattutto, dalla propensione ad accettare un certo livello di rischiosità.

Come si può ben intuire dalla premessa ci sono diversi fattori che incidono sulle scelte di investimento per il 2018, oramai agli “sgoccioli”.

Ma, quali sono i consigli dei massimi esperti in materia di gestione degli investimenti? Scopriamoli in questa guida dedicata.

Investire nel mattone: conviene ancora?

Sebbene la crisi del mercato immobiliare, il mattone è uno degli investimenti che affascina e continua ad attrarre costantemente capitali degli investitori, in particolare di chi è intenzionato ad acquistare un immobile da affittare o da utilizzare per avviare un’attività di business come un B&B o un ostello o una casa vacanza da condividere con altri coinquilini soggiornanti.

Se si sceglie di acquistare un immobile, un ottimo investimento per il 2018 e per il prossimo futuro, è quello di acquistarlo in una città universitaria dove gli studenti e i dottorandi fuori sede, spesso e volentieri, ricercano un alloggio o una stanza da affittare. In questo modo, si può contare su un flusso dinamico presente tutto l’anno.

“È un ottimo momento per investire sul mattone […], i prezzi sono ancora in calo […], per cui il consiglio per chi ha intenzione di acquistare un bene immobiliare è di affrettarsi prima della fine del Quantitative Easing, già annunciata per il 2019 dal Presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, […]”, commenta Maurizio Pezzetta, Presidente FIMAA Roma.

Pertanto, essendo a cavallo tra il 2018 ed il 2019, per chi ha un cospicuo capitale da investire, può sicuramente valutare la possibilità di acquistare un immobile.

I prezzi sono ancora bassi, anche se per il 2019 si attende un rialzo che porterà alla stabilizzazione nel medio orizzonte temporale.

Investire in criptovalute ne 2018: un sogno o un rischio?

Nonostante la quotazione delle valute digitali o delle criptovalute sia un continuo “sali” e ”scendi”, si può investire in Bitcoin e in altcoin prestando la massima attenzione alla costruzione del portafoglio di asset.

Per iniziare a prendere in considerazione questa strategia, è fondamentale sapere come funziona il trading online.

Compravendere criptovalute è rischioso, ma costituisce un’ottima opportunità di guadagno per chi ha a disposizione anche un esiguo capitale da investire.

Per iniziare a fare trading di criptovalute è fondamentale scegliere un Broker online sicuro e regolamentato.

Una volta iscritti, si può aprire un Conto Demo (con capitale fittizio) per “muovere” i primi passi, per fruire delle videolezioni, dei materiali didattici e dei webinar che possono essere visualizzati nella sezione “Formazione”.

In questa prima fase di formazione è fondamentale imparare a scoprire tutte le funzioni della Piattaforma di trading online, leggere e saper analizzare i grafici, integrando le informazioni con le news aggiornate in tempo reale, provenienti dai mercati finanziari internazionali.

Una volta acquisita una buona dose di sicurezza e di esperienza, si può transitare dal Conto Demo al Conto Reale (capitale reale).

L’alta volatilità che caratterizza il mercato delle criptovalute, sebbene costituisca un rischio, consente di moltiplicare il capitale investito, e di sfruttare a proprio vantaggio la leva finanziaria.

Investire con sicurezza con i conti deposito

Se sei poco propenso ad affrontare i rischi e ami la sicurezza di mettere al riparo i tuoi capitali, allora aprire un Conto deposito è la migliore strategia di gestione del risparmio.

Infatti, il conto deposito è un prodotto d’investimento sicuro, in quanto è tutelato dal Fondo Interbancario di Tutela Depositi.

Grazie all’apertura dei conti deposito, ogni risparmiatore può accantonare somme con o senza vincolo, a seconda delle proprie necessità e dei propri obiettivi di investimento.

Ovviamente maggiore è il lasso temporale durante il quale le somme depositate rimangono ferme a “fruttare”, maggiori saranno gli interessi attivi trimestrali riconosciuti dalla banca sulle somme vincolate.

Quanto possono rendere le somme depositate nel conto deposito per il 2018, e in vista dell’anno 2019? Dipende, l’offerta delle banche è piuttosto variegata e ci sono diversi ed interessanti prodotti da valutare.

Alcuni istituti di credito riconoscono ai propri correntisti un tasso di interesse dallo 0,50% all’1,00% per i depositi annuali, e gli interessi vengono versati anticipatamente, permettendo di beneficiare della liquidità e del rendimento economico sul capitale depositato.

Come avrai capito dalla guida, ci sono tante interessanti strategie di investimento da valutare per il 2018, in vista dell’arrivo del 2019.

Tutto dipende dall’ammontare del capitale da investire, dalla propensione al rischio e dalla durata dell’investimento (breve o medio-lungo termine).