Attualità

I bambini cacciati dall'oratorio di San Giovanni Bosco a Padova perché volevano festeggiare Halloween

neXt quotidiano|

salvini zucca halloween giordano - 1

Dieci bambini delle scuole elementari che si erano dati appuntamento all’oratorio per la serata “dolcetto o scherzetto” sono stati cacciati dalla parrocchia di San Giovanni Bosco a Padova. Il Gazzettino racconta oggi che la presenza dei bimbi travestiti da mostri e streghe non è stata gradita da don Vittorio e, alla fine,il gruppetto è stato costretto ad andarsene dall’oratorio.

I bambini cacciati dall’oratorio di San Giovanni Bosco a Padova perché volevano festeggiare Halloween

L’episodio, che fa pensare a scene come quella di Mario Giordano contro Halloween, nasce nella parrocchia in zon aPaltana. «Nessuno di noi aveva intenzione di passare la serata lì – racconta al quotidiano uno dei genitori -. Era solo il punto di partenza per il giro di quartiere per “dolcetto o scherzetto”. Ovviamente i bambini sono sempre stati sotto la nostra tutela. Si passeggia, si suonano i campanelli delle case e si chiedono caramelle o biscotti. Don Vittorio lo sapeva bene, per cui cacciarci così è stato un gesto del tutto gratuito. Credo che una parrocchia debba essere un punto d’incontro aperto a tutti, nessuno deve sentirsi escluso, tanto meno i bambini del paese che la frequentano quotidianamente».

sergio giordani padova

Se tanti cristiani parlano di Halloween come una festa che inneggia all’oscurità e a Satana, molti altri invece la ritengono semplicemente un’occasione in più per festeggiare. I due volti di Halloween si sono rivelati anche a Padova: se in parrocchia è proibito riunirsi, in Comune tutto è permesso. Ieri sera il sindaco Sergio Giordani ha accolto a Palazzo Moroni una delegazione di bambini mascherati, regalando caramelle e dolcetti a tutti. Il primo cittadino padovano ha pubblicato un post ironico su Facebook e, accanto alla foto dei bimbi, ha commentato «Gli “scherzetti” mi piacciono sempre!».

Leggi anche: Halloween e Salvini “blasfemo” con le zucche sataniche che indignano i sovranisti