Attualità

Davide Serra: Napolitano nomina commendatore l'amico di Renzi

davide serra giglio magico

La notizia la dà il sito Dagospia pubblicando direttamente la mail inviata da Davide Serra ai suoi soci e amici con l’annuncio: il finanziere sarà commendatore della Repubblica italiana «Per essersi impegnato nella promozione dell’Italia come meta di investimenti finanziari». La mail di Serra:

Volevo dirvi che il presidente della repubblica, su richiesta della Farnesina ha firmato il decreto che mi nomina Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Qui sotto la spiegazione esatta di cosa sia:
https://it.wikipedia.org/wiki/Ordine_al_merito_della_Repubblica_italiana%23Commendatore
Non aspettandolo, non avendolo chiesto, ne sapendo cosa fosse quando me lo hanno comunicato, vi scrivo i 3 motivi per cui sono Onorato
1) Ordine più alto della Repubblica Italiana (più del Cavaliere del Lavoro)
2) Normalmente può essere dato solo a Residenti in Italia e la prima volta con grado di Cavaliere
3) Il presidente ha firmato un decreto che me lo conferisce nonostante sia da 20 anni residente estero e subito con il grado di Commendatore, ben 2 livelli sopra ciò che la legge permette per la prima nomina. Insomma due eccezioni.
Volevo condividerlo con voi, i miei amici di Londra più stretti che sanno del mio impegno per Italia da Londra, i miei colleghi e i miei parenti che spesso non capiscono perché mi presto a insulti dai media (corrotti) Italiani per il mio impegno civile

Davide Serra, 43 anni,  è il fondatore del fondo di investimento Algebris (continua)
Davide Serra, 43 anni, è il fondatore del fondo di investimento Algebris (continua)

DAVIDE SERRA: NAPOLITANO NOMINA COMMENDATORE L’AMICO DI RENZI

Nella mail di Serra però non si spiega quando ha ricevuto la nomina. A prendersi l’onere di farlo è Il Fatto Quotidiano, in un articolo a firma di Camilla Conti e Carlo Di Foggia:

QUELLO che il patron del fondo Algebris non scrive nella sua mail è quando abbia effettivamente ricevuto l’onorificenza. Un dettaglio fondamentale, considerando l’avvenuto cambio di inquilino al Quirinale:Giorgio Napolitano infatti ha lasciato il 14 gennaio. L’ultima sua infornata di onorificenze, compresa quella a Serra, risale al 27 dicembre scorso, ricorrenza della promulgazione della Costituzione, l’unica data – insieme al due giugno – per assegnare questo tipo di onorificenza. A proporla è stato il ministero degli Esteri – su input dell’ambasciata italiana a Londra – e al Colle si sono limitati a verificare l’esistenza di eventuali rilievi penali a carico del nuovo “commendatore” e firmare il decreto di nomina. Al suo successore, Sergio Mattarella, toccherà presenziare alla cerimonia che avverrà il prossimo due giugno.

Mentre il contenuto della mail è confermato dallo stesso Serra al Fatto Quotidiano. E magari nessuno si accorgerà della battuta da grillino del finanziere sui media “corrotti” che arriva sicuramente in ricordo della sua polemica con il Corriere della Sera in occasione delle primarie in cui Renzi ha sfidato Pierluigi Bersani: all’epoca il quotidiano di De Bortoli parlò di “guadagni alle Cayman” riferendosi alla struttura societaria del suo fondo Algebris: Serra annunciò una querela nei confronti del quotidiano, e portò anche in tribunale lo stesso Bersani. Serra era stato anche ascoltato dalla Consob per le movimentazioni di titoli delle banche popolari prima dell’annuncio del decreto legge del governo Renzi sugli istituti di credito, in un’audizione che portò a un nulla di fatto.