Economia

Un nuovo rinvio per 9 milioni di cartelle esattoriali?

Il Sole spiega che il 90% delle cartelle non pagate riguardano importi inferiori ai 5mila euro. E potrebbe esserne posticipato il rinvio fino al 31 dicembre

cartelle esattoriali rinvio 31 dicembre 1

Il Sole 24 ore oggi spiega che la sospensione delle cartelle esattoriali al 15 ottobre potrebbe essere rinnovata. Si tratta per la quasi totalità, il 90 per cento, di piccoli importi sotto i 5mila euro. E solo un terzo sono tasse non pagate:

Nove cartelle esattoriali su dieci di quelle sospese fino al 15 ottobre sono inferiori ai 5mila euro di debito. E solo nel 36% dei casi, rispetto al totale complessivo di oltre 8,9 milioni di cartelle non recapitate ai contribuenti da marzo scorso fino alla metà di ottobre, riguardano tasse non pagate. È quanto emerge dai dati di agenzia delle Entrate-Riscossione recuperati da Il Sole 24 Ore sulla sospensione fino al 15 ottobre della riscossione coattiva disposta dal decreto Agosto, proprio mentre in Parlamento cresce il pressing per un ampliamento dello stand by, magari a fine anno come chiede da sempre la Lega. Un pressing che arriva non solo dai partiti politici ma anche dalle associazioni di categoria proprio ora che la nuova manovra anti-crisi da 25 miliardi avvia con le prime audizioni il suo iter parlamentare per la conversione in legge: il decreto Agosto (Dl 104/2020) dovrà, infatti, essere approvato dal Parlamento entro il prossimo 13 ottobre.

cartelle esattoriali rinvio 1 dicembre

Tutto però dipenderà dal costo che lo Stato potrà sostenere: il rinvio al 16 ottobre è già costato 65,8 milioni di euro all’Erario per l’anno 2020. Spostare la riscossione al primo dicembre significherebbe raddoppiare raddoppiare le risorse stanziate ora dal decreto Agosto

Leggi anche: Otto italiani su dieci vogliono prolungare le norme contro il Coronavirus