Attualità

Brembate, ora anche i vigili del fuoco rimuovono striscioni per Salvini

Non solo la Digos, ora anche i vigili del fuoco rimuovono striscioni di protesta contro Matteo Salvini. Uno striscione con la scritta “Non sei il benvenuto” affisso sulle finestre di una casa privata è stato fatto rimuovere questa mattina dai vigili del fuoco a Brembate (Bergamo), dove è giunto in visita il ministro dell’ Interno Matteo Salvini, che si è poi intrattenuto con alcuni simpatizzanti in un bar.

Brembate, ora anche i vigili del fuoco rimuovono striscioni per Salvini

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha pubblicato su Twitter le foto della rimozione: i pompieri sono intervenuti con una scala intervenendo dall’esterno dell’edificio, senza entrare nella casa che aveva esposto lo striscione. Come mai?

vigili del fuoco brembate striscione salvini

La scelta si deve probabilmente a ragioni logistiche: dopo i fatti di Salerno in molti si sono chiesti se la Polizia possa entrare in una casa senza mandato della magistratura.

polizia di stato twitter saviano casalbruciato - 3

Ora naturalmente i “guai” o ci sono – e vengono contestati – o non ci sono e quindi non c’è motivo di levare lo striscione. Certo, in alcuni casi e per motivi di urgenza (e sicuramente visto che il comizio era una situazione temporanea) la Polizia può intervenire anche senza mandato – spiega su Twitter un avvocato cagliaritano – ma solo in situazioni ben specifiche. Ad esempio se c’è un’imminente situazione di pericolo oppure se c’è il rischio che alcune prove di reato vengano distrutte o nascoste. Quindi, dopo l’imbarazzatissima intervista del capo della polizia Franco Gabrielli probabilmente qualcuno si è reso conto che a forza di violare leggi e regole la polizia avrebbe passato dei guai. E allora ecco i vigili del fuoco. E l’ipotesi viene confermata dal comandante dei vigili del fuoco di Bergamo Calogero Turturici che spiega come è avvenuto l'”intervento tecnico” eseguito “sulla base di una decisione della Questura”. “Abbiamo ricevuto una chiamata dalla Questura – spiega il comandante – in cui ci veniva chiesto un supporto tecnico”, ad una decisione “presa dal dirigente del servizio di ordine e sicurezza pubblica predisposto dalla Questura” in occasione della visita del ministro”. Un supporto che è regolato da norme precise e che rientra nella “collaborazione istituzionale tra corpi della Stato”. La richiesta è arrivata alle 7.58 ed è stata presa in carico dal turno montante delle 8. Una volta sul posto il caposquadra “ha chiesto al funzionario della Polizia la conferma dell’intervento e quest’ultimo ha ribadito la decisione della Questura”. Ma qual è la motivazione? “A noi non c’è stata detto – conclude Turturici – tutte le valutazioni sono state adottate dalle questura e dunque vanno chieste alle Questura”.

E il sindacato dei Vigili del Fuoco dice che è inaccettabile

“Non è lavoro per i Vigili del fuoco. Quanto accaduto a Brembate, in provincia di Bergamo, poco prima dell’arrivo del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è inaccettabile”. Così la Funzione Pubblica Cgil Vigili del Fuoco critica la rimozione di uno striscione da parte di una squadra dei Vigili del Fuoco. “Non si può consentire – prosegue il sindacato – che si utilizzi una squadra dei Vigili del fuoco, rimuovendola dal lavoro quotidiano, per costringerla a rimuovere uno striscione. Si opera un danno all’erario, perché i Vigili del fuoco non fanno ‘pubblica sicurezza’ ma operano per portare soccorso, e si colpisce un diritto inalienabile del cittadino, quello al legittimo dissenso. Siamo solidali con i colleghi costretti ad operare in questa non prevista operazione e chiediamo ai vertici del corpo e del Viminale che si faccia immediata chiarezza”.

Leggi anche: Cosa c’è dietro le frasi di Renzi su Salvini, la Bestia e i 49 milioni