Economia

L'ASL che per l'appalto vuole aziende che capiscano il dialetto napoletano

asl appalto napoletano 2

“Essere capaci di comprendere anche interlocutori con spiccate caratteristiche dialettali”: è una delle caratteristiche richieste nel capitolato d’appalto che l’Asl Napoli 3 Sud di Torre del Greco ha indetto la gara per “la fornitura di servizio di supporto e gestione azione amministrativa per gli uffici”, responsabile del procedimento la dottoressa Rosaria Comito, Termine ultimo presentazione offerte: le ore 11 del 10 novembre.

L’ASL per l’appalto vuole aziende che capiscano il dialetto napoletano

In altre parole, per aggiudicarsi l’appalto (base d’asta 207.mila euro pìù Iva per la durata di un anno), le aziende che partecipano alla gara dovranno avere personale in grado di capire il dialetto napoletano, anche per poter gestire (è uno degli altri requisiti richiesti agli addetti) “conversazioni problematiche”. La ASL in questione ha utilizzato il MEPA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) per avviare il processo di gara con il canale RDO (Richiesta di Offerta) invitando i fornitori che sono iscritti sullo stesso MEPA alla categoria “Servizi Specialistici”. Il Mercato Elettronico della P.A. (MePA) è un mercato digitale dove possono essere effettuate negoziazioni dirette, veloci e trasparenti per acquisti sotto la soglia comunitaria.
asl appalto napoletano 1
In ogni caso, specifica il bando, “per’ l’accettazione del personale proposto (quello che l’azienda aggiudicatrice allocherà presso gli uffici dell’Asl), sarà facoltà della Committente procedere ad un colloquio di approfondimento per verificare la corrispondenza delle competenze riportate nel CV”. E qui la faccenda si complica: chi e come sarà chiamato a valutare il grado di comprensione del napoletano da parte dei candidati che un’azienda propone? E che livello è richiesto: A1, A2, B1…?
asl appalto napoletano
Anche perché il requisito linguistico, nell’elenco delle competenze richieste, precede altre che, in linea teorica, dovrebbero essere più importanti, come
· avere un livello di istruzione almeno pari alle medie superiori;
· saper utilizzare strumenti informatici standard;
· saper navigare in modo efficace un sito internet ed applicazioni Web oriented
“Non parteciperò alla gara”, dice una fonte a neXt Quotidiano, “anche perché non ho nessun dipendente napoletano, ma è la prima volta in 35 anni di fornitura di servizi ad enti”. Secondo Babbel, la app per imparare le lingue, per gli italiani tra le lingue più studiate per ragioni lavorative si trova l’inglese (77%), il francese (30%) e il tedesco (21%). Forse dovrà aggiornare il bouquet dell’offerta con il napoletano.