Attualità

Armando Siri: il leghista e l’accusa di investimenti “per coprire soldi sporchi”

ARMANDO SIRI

Davide Milosa sul Fatto Quotidiano oggi racconta perché il tribunale del riesame ha respinto le richieste del senatore Armando Siri nella vicenda della palazzina di Bresso da lui acquistata con soldi provenienti da un mutuo ottenuto da una banca di San Marino,

Durante le perquisizioni sono stati trovati due pc riferibili al politico leghista, sul cui sequestro discuterà oggi la Giunta per le autorizzazioni del Senato. Siri è anche indagato per corruzione dalla Procura di Roma. Sul piatto del Riesame il finanziamento per acquistare una palazzina a Bresso (Milano). Perla prima volta si può osservare, contenuto nella sentenza di quattro pagine, il capo d’imputazione a carico di Perini “in concorso con il senatore Siri”.

IL REATO di autoriciclaggio, secondo la Procura, si forma perché Siri ha “partecipato alla commissione di delitti di appropriazione indebita e amministrazione infedele in relazione alla somma di 748.205 euro indebitamente corrisposte il 28 novembre 2018”. Si tratta del finanziamento ottenuto da Siri “usufruendo di condizioni di particolare favore in contrasto con i principi di sana e prudente gestione del credito”.

Per il pagamento dell’immobile verranno utilizzati due assegni circolari “emessi il 31 gennaio 2019 dalla Banca popolare di Sondrio”. A Siri viene contestata anche un’aggravante. Recitano le ultime righe del capo di imputazione: “Con l’aggravante di aver commesso il fatto giovandosi del contributo di un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato”. Nello specifico dell’acquisto della palazzina il Tribunale spiega: “L’importo ricevuto è stato utilizzato da Siri per l’acquisto di un immobile (…) ma invece di essere trasferito al venditore è stato accreditato sul conto corrente del notaio rogante (non indagato, ndr) sul quale poi sono stati tratti gli assegni per il pagamento del bene”.

armando siri bresso

L’acquirente “è stato individuato non in Siri ma nella figlia Giulia (non indagata, ndr), che ha rilasciato una procura irrevocabile a vendere l’immobile in favore del padre”. Il tutto “con l’intento di dissimulare l’origine” del denaro. Al reato, così come spiegato dal Riesame, partecipa anche Marco Luca Perini, il quale “risulta acquirente di uno dei subalterni dell’edificio”. La Procura ha intercettato un secondo mutuo da 600 mila euro (non contestato penalmente a Siri) concesso nel marzo scorso sempre dallabanca di San Marino alla società Tf Holding. Uno dei soci, Fiore Turchiarulo, fu candidato nel movimento Italia Nuova fondato da Siri.

marco luca perini armando siri

Marco Luca Perini è il caposegreteria di Siri.

Leggi sull’argomento: Armando Siri e l’indagine per la palazzina a Bresso