Attualità

Le scuse del bidello che misura la febbre con la mano sulla fronte

Il video del bidello di una scuola nel napoletano che misura la temperatura agli studenti che entrano a scuola mettendo loro una mano sulla fonte è diventato virale nei giorni scorsi: lui ora si scusa e ha paura di essere licenziato

video bidello misura febbre mano sulla fronte san gennaro vesuviano

Il video del bidello di una scuola nel napoletano che misura la temperatura agli studenti che entrano a scuola mettendo loro una mano sulla fonte è diventato virale nei giorni scorsi. Carmine Strocchia, dirigente scolastico dell’istituto Caravaggio di San Gennaro Vesuviano, si è dissociato dall’iniziativa: «Sono intervenuto
a stigmatizzare il gesto del bidello appena l’ho saputo. Ovviamente è stata una iniziativa autonoma, del tutto autoreferenziale e priva di logica: la scuola non c’entra niente, il protocollo covid funziona regolarmente e viene applicato in maniera rigorosa». Strocchia, poi, evidenzia che il gesto del bidello non è frutto della mancanza del termo scanner: «Ce n’erano due, tutti funzionanti. Non è vero che si è voluto sostituire al termometro, ha commesso un errore e basta». Nei confronti dell’uomo sarà aperta un’azione disciplinare: «È la prassi, intanto gli sono state tolte tutte le mansioni».

E spiega il Mattino, ora il bidello è pentito: ha paura di essere licenziato e si scusa per l’accaduto:

Lui, il bidello, intanto, è irreperibile. Ha capito di aver sbagliato e non sa darsi pace. «Chiedo scusa a tutti, ho fatto una stupidaggine, mi dispiace davvero moltissimo», ha detto al preside Strocchia. E poi la paura: «E se dovessi perdere il posto di lavoro? Spero proprio di no». A San Gennaro Vesuviano non si fa che parlare di lui. Molti lo prendono in giro, altri provano a giustificarlo, la maggior parte condanna il gesto, definendolo irresponsabile: «Col covid non si scherza, lui ci ha messo troppa superficialità». Il fatto è che il bidello non è uno sconosciuto: è attivo nel sociale, è una persona disponibile con tutti e lavora in quel plesso da decenni. Nessuno si aspettava da lui una leggerezza del genere.

Leggi anche: COVID-19: la stretta per evitare il Lockdown 2