Attualità

TAP, il TAR del Lazio sospende l'espianto degli ulivi

tap melendugno ulivi espianto - 6

Il presidente del Tar del Lazio ha accolto con decreto l’istanza della Regione Puglia per l’annullamento, previa sospensione, delle note del Ministero dell’Ambiente con le quali veniva dichiarata pienamente ottemperata la prescrizione A.44 riferita alla cosiddetta fase 0 dei lavori, autorizzando TAP all’espianto degli ulivi nell’area del cantiere di Melendugno. Il Tar ha sospeso l’efficacia dei provvedimenti in attesa della discussione dell’istanza cautelare fissata per il 19 aprile. Lo comunica la Regione Puglia.

TAP, il TAR del Lazio sospende l’espianto degli ulivi

Stamattina intanto si erano registrati nuovi danneggiamenti in località San Basilio, a San Foca di Melendugno, dove Tap deve estirpare gli ulivi per avviare i lavori di realizzazione del microtunnel del gasdotto. La recinzione di tutto il lotto A/1 risultava stamani totalmente priva della recinzione metallica, divelta probabilmente dalle frange più estreme degli attivisti che si oppongono alla realizzazione dell’opera. Stamani le strade di accesso al cantiere erano nuovamente sbarrate da blocchi fatti con pietre, materiale di risulta e pneumatici. Tutta l’area era praticamente interdetta al traffico veicolare. Le forze di polizia non sono presenti sul posto e i lavori erano fermi.

tap melendugno ulivi espianto - 4
Il tracciato del TAP in Puglia fino a Melendugno

In particolare – spiega la Regione Puglia citando il provvedimento – il TAR ha ritenuto che, essendo già state avviate le operazioni di espianto, la misura cautelare richiesta possa venire accordata, “ai soli fini dell’immediato riesame dell’atto impugnato da parte Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), con riferimento sia alle osservazioni e alle competenze della Regione (specificate nella citata prescrizione A44), sia in base all’avvenuta presentazione al medesimo Ministero, da parte di TAP, di istanza di verifica di assoggettabilità a VIA del progetto esecutivo, relativo alla realizzazione del microtunnel”.
tap melendugno ulivi espianto - 8
“Quanto sopra – prosegue – a fini di ottimizzazione e adeguato scaglionamento temporale degli interventi di cui trattasi, in considerazione dei tempi tecnici necessari per le fasi procedurali ancora da svolgere, senza pregiudizievoli situazioni di stallo e fatta salva la ricerca delle soluzioni più opportune, per il soddisfacimento dei molteplici interessi pubblici coinvolti”.

Il comitato No TAP festeggia

La notizia vola sui social network e determina dichiarazioni soddisfatte dei tanti attori, istituzionali e non, che nelle ultime tre settimane hanno animato la protesta contro l’infrastruttura. “Tap deve sospendere l’espianto degli ulivi” scrive in un post su facebook il Presidio No Tap – il futuro dei nostri territori dipende solo da noi. Dal Salento lanciamo un segnale forte: il Mediterraneo non vuole chinare la testa”. Gli attivisti, comunque, non hanno intenzione di fermare la loro attività di protesta, anzi numerose manifestazioni finalizzate a coinvolgere la popolazione sono state indette per il fine settimana. Per sabato 8 e’ prevista una manifestazione degli studenti a Lecce, con partenza alle 15 da Porta Napoli, mentre domenica 9 e’ stata organizzata “Tamburieddhi contro la Tap“, una mattinata di musica davanti al cantiere, con vari artisti salentini e poi un pranzo sociale.

Leggi sull’argomento: Tutto quello che avreste voluto sapere sul TAP