Attualità

Lo strano caso dei positivi al Coronavirus che non hanno avuto contatti con altri portatori

Nell’Alta Garonna, la regione di Tolosa, nel sud-est della Francia sono stati trovati alcuni giovani tra i venti e i trenta anni positivi al Coronavirus SARS-COV-2 senza che abbiano avuto contatti accertati con altri malati

tolosa positivi coronavirus

Nell’Alta Garonna, la regione di Tolosa, nel sud-est della Francia sono stati trovati alcuni giovani tra i venti e i trenta anni positivi al Coronavirus SARS-COV-2 senza che abbiano avuto contatti accertati con altri malati. La vicenda è stata raccontata da La Depeche du Midi e viene definita come quella dei “casi isolati”. La zona era stata relativamente risparmiata da COVID-19 ma nelle ultime settimane un numero crescente di persone di Tolosa e della banlieue è stato contagiato senza aver avuto contatti diretti con persone positive di loro conoscenza.

tolosa positivi coronavirus

L’agenzia di stampa ANSA scrive che Per Jean-Jacques Morfoisse, responsabile della locale Agenzia regionale della Salute, “con 170 casi nuovi in 7 giorni, l’Alta Garonna ha un tasso di incidenza vicino a 12 su 100.000 abitanti, il più elevato della regione. Quello che ci preoccupa è la rapida evoluzione di questa cifra, che aumenta quasi ogni giorno”. “Questi casi isolati – continua – sono ripartiti su tutto il territorio, il che ci lascia pensare che il virus circoli a fari spenti. Ma è la conferma che lui, il virus, in vacanza non c’è andato”. L’ipotesi della autorità sanitarie, al momento, è che “la trasmissione sia collegata al tasso più elevato di asintomatici presente fra i giovani e al mancato rispetto del distanziamento”. Per Jean-Yves Fatras, medico all’autorità sanitaria locale, citato anche lui dal quotidiano La Depeche du Midi, “non si tratta di impedire alla gente di riunirsi ma di ricordare a tutti qualche consiglio: restare il più possibile in luoghi aperti, evitare baci o contatti ravvicinati, indossare il più possibile la mascherina e stare attenti al consumo di alcol, che fa dimenticare le regole del distanziamento”.

Leggi anche: Covidiots: i negazionisti del Coronavirus sfilano a Berlino