Attualità

La Fase 2 e i maxicontrolli a Roma nel week end

Tra gli obiettivi dei controlli, prevenire gli assembramenti. In campo, sulle strade di accesso ad Ostia, Fiumicino, Fregene sino a Maccarese, Passoscuro ed oltre, e sulla costa, il dispositivo interforze, tra polizia di Stato, con anche il Reparto mobile, carabinieri, guardia di finanza, che metterà in atto anche controlli più dinamici

posti di blocco roma coronavirus

Sono previsti maxi-controlli delle forze dell’ordine a Roma e provincia nel primo fine settimana della Fase 2 dell’emergenza coronavirus. Polizia, carabinieri e agenti della Polizia locale di Roma Capitale saranno presenti sul territorio cittadino e saranno potenziati controlli sulle strade in uscita da Roma, verso il litorale e i laghi, nei parchi. Sorvegliate speciali anche le zone della movida, in particolare all’esterno dei locali aperti per vendita take away.

La Fase 2 e i maxicontrolli a Roma nel week end

Tra gli obiettivi dei controlli, prevenire gli assembramenti. In campo, sulle strade di accesso ad Ostia, Fiumicino, Fregene sino a Maccarese, Passoscuro ed oltre, e sulla costa, il dispositivo interforze, tra polizia di Stato, con anche il Reparto mobile, carabinieri, guardia di finanza, che metterà in atto, rispetto ai precedenti weekend, tutti caratterizzati da ponti e festività, anche controlli più dinamici. In azione anche le pattuglie della polizia locale di Fiumicino, una decina, e del X Municipio di Roma. Secondo il Messaggero la Municipale replicherà su alcune grandi arterie in uscita da Roma i posti di blocco “a imbuto” già visti nella Fase 1 del lockdown: gli agenti fermeranno auto e moto una a una, chiederanno il motivo del viaggio per poi demandare verifiche più approfondite agli uffici se sarà ritenuto necessario. In campo tra sabato e domenica ci saranno 2.300 caschi bianchi. Controlli alle stazioni anche da parte della Polfer e della Stradale sul Gra e ai caselli autostradali.

Il piano per evitare gli assembramenti è stato approntato ieri con una ordinanza ad hoc dal Questore Carmine Esposito al termine del confronto in videoconferenza con la prefetta Gerarda Pantalone e i vertici del Comando provinciale dei carabinieri, della Finanza e della Polizia locale in sede di Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico. Non ci sarà da stupirsi se, una volta raggiunto il litorale, da Ostia a Civitavecchia, da Torvaianica fino ad Anzio e Nettuno, si troveranno i poliziotti sul bagnasciuga pronti respingere chiunque provi a mettere piede sulla sabbia. Alcuni agenti saranno anche in mare, insieme con la Capitaneria di Porto, a bordo degli acqua-scooter. Nel X Municipio l’accesso in spiaggia è vietato con ordinanda della sindaca Virginia Raggi fino al 17 maggio.

coronavirus lazio

Intanto in Campidoglio si guarda al 18 maggio, alla riapertura dei negozi. L’Agenzia sta elaborando nuovi scenari di traffico insieme agli esperti delle università La Sapienza, Tor Vergata, Roma Tre e con il centro studi Sony Computer Science Lab. «L’isolamento imposto dall’epidemia non ha precedenti per la mobilità e ha richiesto di affrontare nuovi problemi nella gestione del sistema dei trasporti», spiegano i docenti di Ingegneria dei trasporti e Fisica delle tre università romane Ernesto Cipriani, Umberto Crisalli, Gaetano Fusco e Vittorio Loreto. Il sistema di monitoraggio messo in pratica, aggiungono, «ha alimentato i modelli matematici con i quali è possibile effettuare previsioni sulla rete di trasporto, anche in situazioni molto diverse da quella abituale».

Leggi anche: Libero e Salvini che non è in crisi: è diventato il Tristo Elencatore