Lo strano caso delle mascherine pannolino della Regione Lombardia

di Antonio Murzio

Pubblicato il 2020-04-09

Ricordate l’ira dell’assessore alla Sanità della Regione Lombardia Giulio Gallera del 14 marzo scorso? E Fontana che diceva che per fortuna la Lombardia le produce? Ecco il risultato: “La pseudo mascherina fatta con materiale dei pannolini è veramente un obbrobrio. Per indossarla bisogna infilarla dalla testa perché senza lacci, non rimane fissa, lascia il naso senza protezione”

Ricordate l’ira dell’assessore alla Sanità della Regione Lombardia Giulio Gallera del 14 marzo scorso? “Oggi le mascherine che possono essere usate sono le FFp2 o FFp3, o anche quelle chirurgiche, invece ci sono mandate quelle che sono un fazzoletto, un rotolo di carta igienica, e non sono marchiate Ce, Comunità europea. Noi non vogliamo fare polemica, però è evidente che non è possibile utilizzarle. C’è un’emergenza mascherine che va risolta con i giusti presidi. La Lombardia sta facendo uno sforzo pazzesco, almeno dateci gli strumenti adeguati”, aveva dichiarato ai microfoni di Sky Tg 24  (Qui il video dell’intervista). 

Le mascherine pannolino della Regione Lombardia

A distanza di meno di un mese, la Regione Lombardia è riuscita a fare anche di peggio, provocando l’irritazione del personale sanitario in prima fila nella lotta alla pandemia di Coronavirus. Riccardo Germani portavoce di ADL Cobas spiega in un post su Facebook:

Ennesima umiliazione nei confronti di chi sta prestando il suo lavoro nelle strutture sanitarie. Un’offesa a chi svolge una professione sanitaria e mette a rischio ogni giorno la propria vita. Bisogna fermare la lega al governo della Regione Lombardia e la Fippi S.p.A a cui hanno dato questo ordine di produzione.L e mascherine prodotte dalla FIPPI S.p.A. per gli operatori sanitari di cui Fontana qualche giorno fa andava fiero dichiarando: “Per fortuna che c’è la Lombardia che le produce”, quanto ci costano? Ne produrranno 900.000 al giorno rendendo ridicoli dei professionisti.

Addirittura prima di iniziare la produzione è andato a visitare l’azienda l’assessore all’Ambiente Raffaele Cattaneo di Saronno e quindi suo bacino elettorale, che ha testato con mano l’avvio della produzione; possibile che non si sia accorto della somiglianza a delle mutande per incontinenti? Gli operatori della sanità lombarda dopo aver visto i malati di Covid-19 ricoverati nelle residenze per anziani facendo una strage di ricoverati, adesso dovrebbero indossare i pannolini come protezione facciale. Non ci credevamo nemmeno noi che arrivassero a tanto, eppure non hanno fermato la produzione di queste mutande che vorrebbero spacciarci per mascherine, arrivate già in diversi ospedali della Regione Lombardia e nelle RSA hanno lasciato gli operatori allucinati e non sapevano se ridere o piangere.

Cosa c’è che non va nelle mascherine della Regione Lombardia

Se le parole del sindacalista possono apparire esagerate, per convincersi che non si discostano affatto dalla realtà, ci viene in soccorso il video pubblicato sempre su Facebook da Giorgio Arca, che spiega:

 Non l’avevo ancora vista e sono riuscito a recuperarne una. La pseudo mascherina fatta con materiale dei pannolini è veramente un obbrobrio. Per indossarla bisogna infilarla dalla testa perché senza lacci, non rimane fissa, lascia il naso senza protezione ma per spiegarlo meglio ho fatto un video, come potete vedere e dove si evidenzia l’inutilità.

Mi rivolgo alla giunta Regionale, vi presentate in televisione per vantare i medici e infermieri per il grande lavoro che fanno, ma non li mettete in condizione di operare in sicurezza e questa pseudo mascherina lo dimostra. Il personale sanitario vuole i dispositivi idonei per curare i cittadini colpiti da covid 19. A tutti coloro facente parte del personale sanitario a cui è stato chiesto cosa pensassero di questo dispositivo, tutti in coro hanno detto ciò che ho evidenziato nel video e che questo dispositivo non serve a nulla. È certificato il materiale ma non la funzionalità del prodotto.

Quindi ritirate questo prodotto e non sprecate soldi pubblici acquistando cose che non servono, qualche volta interpellate il personale sanitario che lo deve usare. Vigileremo affinché siano ritirate.

Sono più di cinque milioni le mascherine già prodotte e consegnate a Regione Lombardia dalla Fippi di Rho in provincia di Milano, con l’obiettivo di arrivare a 20 milioni di pezzi entro fine aprile. La Fippi è un’azienda che opera nel campo della produzione di pannolini per l’infanzia a marchio di terzi, e ha ricevuto l’ordine da Aria, l’Azienda per l’Innovazione e gli Acquisti di Regione Lombardia. Le mascherine prodotte sono destinate in primo luogo ai presidi sanitari, dagli ospedali alle Rsa, e al personale medico. “La produzione a regime di 900mila pezzi al giorno è iniziata dalla fine della scorsa settimana, quando è arrivato il via libera dell’Iss. Al momento stiamo producendo esclusivamente per Regione Lombardia, poi vedremo. La linea è avviata e può continuare a produrre, se ci saranno altre richieste”, ha detto Claudio Guarnerio fondatore dell’azienda, all’agenzia Askanews, dove ha spiegato che per avere il via libero definitivo dall’Iss ci sono volute circa tre settimane, ma la linea di produzione convertita alle mascherine era già pronta dopo dieci giorni: “C’è stata molta collaborazione fra Regione, Politecnico e Iss per ottenere le autorizzazioni e consentirci di avviare la produzione su larga scala in tempi rapidi”.

Leggi anche: La carica dei sovranisti sul Decreto Liquidità che dà soldi alle banche e non alle imprese

 

Potrebbe interessarti anche