Attualità

I cinque testimoni che smentiscono Mara Lapia

mara lapia

Si chiama R.I. l’uomo che Mara Lapia, 42 anni, nuorese, di professione avvocata, eletta deputata M5S il 4 marzo scorso, ha denunciato per aggressione. Ma ci sono anche cinque testimoni che smentiscono la sua ricostruzione.

I cinque testimoni che smentiscono Mara Lapia

La parlamentare 5 Stelle ha raccontato di essere stata «offesa e aggredita da un uomo che si è poi allontanato a bordo di una Ford Fiesta» domenica scorsa in un supermercato LIDL di Nuoro. La notizia è uscita domenica pomeriggio ed è stata data dal capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera Francesco D’Uva con un comunicato stampa in cui si sosteneva: «Mara è stata prima aggredita verbalmente e poi fisicamente ed ha riportato una frattura costale e varie contusioni. Sono in corso indagini per ricostruire l’accaduto. E’ gravissimo e intollerabile che un uomo, in modo becero e disumano, si accanisca violentemente nei confronti di una donna fino a ridurla in quelle condizioni». In un’intervista rilasciata a Radio Capital la Lapia, che chiama “ragazzo” il suo aggressore (che secondo il Corriere ha 73 anni, ma in realtà ne ha 37), ha detto che ha ricevuto un pugno nel petto (al minuto 2), che è stata strattonata e sbattuta al muro, e che ha ricevuto un colpo a terra nel costato.

mara lapia

La stessa Lapia ha detto invece il giorno dopo a Cristina Nadotti di Repubblica di non aver mai detto di essere stata aggredita fisicamente e ha sostenuto che la sua versione dei fatti fosse stata “colorata da Roma”, ovvero dalla comunicazione M5S, che invece, stavolta, è innocente visto che c’è l’audio che smentisce la deputata: è stata lei a fornire la versione che prevedeva, tra l’altro, la rottura di una costola invece incrinata ed è stata sempre lei a rimangiarsela.

La deputata ha scatenato la rissa

Ma nella storia c’è anche altro. Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera fa sapere oggi che  chi c’era fornisce un racconto molto diverso su quanto accaduto. Oltre alle due cassiere, la polizia ha interrogato altre tre persone e al termine delle verifiche —effettuate esaminando anche i filmati delle telecamere a circuito chiuso —la ricostruzione contenuta nelle informative trasmesse alla magistratura avvalora l’ipotesi che si sia trattato di una lite, peraltro scatenata proprio dall’onorevole.

La polizia interroga le due cassiere. Entrambe raccontano che mentre Lapia stava pagando«sono cadute due lattine di Coca Cola che le hanno sporcato il vestito e lei si è lamentata dicendo che le avevamo danneggiato costosi capi firmati, poi ci ha ripreso gridando “non sapete chi sono io”».E poi aggiungono: «In fila c’era un signore che le ha chiesto di fare in fretta perché si era creata la fila, lei ripeteva che non sapevano chi fosse e quando lui le ha detto che non gli importava lei ha replicato che l’avrebbe querelato». La terza testimone, un’infermiera, assiste invece a quanto accade all’esterno.

Dice che «dopo aver pagato, l’uomo è stato inseguito dalla Lapia che lo filmava con il suo telefonino e gli diceva di consegnare i documenti e non allontanarsi perché stava arrivando la polizia. Ho visto che una signora anziana (la madre dell’uomo, ndr) si avvicinava e le appoggiava una mano sulla spalla e lei si accasciava a terra. Mi avvicinavo e quando lei midiceva di essere stata aggredita le ho subito detto che non era vero perché io avevo visto tutta la scena e non avevo visto alcuna aggressione».

A confermare le dichiarazioni ci sono un uomo e una donna: il primo, scrive sempre il Corriere, vede Lapia che insegue la vettura e poi, quando R. I. scende e cerca di fermarla nota che «l’onorevole fingeva di essere svenuta».

Leggi sull’argomento: Il governo che doveva spezzare le reni a Bruxelles ha raggiunto l’accordo con Bruxelles