Attualità

L’Iran emette un mandato d’arresto per Trump

Il procuratore di Teheran Ali Alqasimehr ha dichiarato lunedì che Trump, insieme a più di 30 persone, è accusato dall’Iran di essere coinvolto nell’attacco del 3 gennaio che ha ucciso il generale Qassem Soleimani, e deve affrontare “accuse di omicidio e terrorismo”

trump coronavirus usa - 4

L’Iran ha emesso un mandato d’arresto internazionale contro il presidente americano, Donald Trump, per l’uccisione – a inizio anno – del generale dei pasdaran Qasem Soleimani da parte delle forze Usa in Iraq. Insieme al presidente degli Stati Uniti sono citate molte altre persone che avrebbero collaborato all’omicidio.

L’Iran emette un mandato d’arresto per Trump

Il procuratore di Teheran Ali Alqasimehr ha dichiarato lunedì che Trump, insieme a più di 30 persone, è accusato dall’Iran di essere coinvolto nell’attacco del 3 gennaio che ha ucciso il generale Qassem Soleimani, e deve affrontare “accuse di omicidio e terrorismo”, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa ISNA e ripreso da Al Jazeera. Teheran chiederà nei prossimi giorni all’Interpol di intervenire per l’arresto del capo della Casa Bianca. “La magistratura iraniana ha emesso un’allerta rossa’ all’Interpol per le 36 persone ricercate, che sono figure politiche e militari. Queste persone – ha dichiarato il procuratore di Teheran – sono condannate per omicidio e terrorismo. Il presidente Donald Trump è in cima alla lista e continuerà a essere perseguito anche al termine del suo mandato presidenziale”. L’Interpol non ha voluto commentare la vicenza.

soleimani iran prezzo petrolio

Alqasimehr ha anche affermato che l’Iran aveva richiesto la pubblicazione di un “red advice” per Trump e gli altri: si tratta dell’avviso di più alto livello che l’Interpol e chiede di cercare l’ubicazione e l’arresto della persona nominata. I Red Advice non costringono automaticamente i paesi ad estradare o arrestare gli accusati, ma possono limitarne la mobilità e le possibilità di viaggiare.

Leggi anche: Come Texas, Arizona e Florida hanno dato retta a Trump e ora sono alla seconda ondata COVID-19