Attualità

L'APP che trilla quando si dimentica il bimbo in auto

app bimbo in auto

Lorenzo Bergadano e Gionatan Cernusco hanno appena finito il quarto anno all’istituto Avogadro di Torino e, racconta oggi La Stampa di Torino, hanno sviluppato un’app che rileva se c’è qualcuno seduto sul seggiolino. Nel caso in cui ci si allontanasse dall’auto, dimenticando un bambino, arriva una notifica sul cellulare che continuerà a suonare a mo’ di sveglia. La storia è sulla Stampa di oggi:

Tutto inizia dal caso di cronaca precedente: «Circa un anno fa abbiamo letto la notizia di un bambino morto perché dimenticato in macchina dal padre, un fatto che ci ha davvero sconvolti – racconta Lorenzo – anche perché aveva proprio l’età di mio fratello. Ma soprattutto potrebbe capitare a tutti. Lo vedo anche nei nostri genitori, nello stress si fa difficoltà a tenere a bada tutto». Si ritrovano così a parlarne in classe, e arriva l’idea. Con il compagno Gionatan bastano giusto un paio di mesi per mettere mano al software.
Arriva così We Drive: «ancora da commercializzare. Ma noi siamo pronti», sottolinea Lorenzo. Insieme alla notifica «ricorda bambino» c’è anche quella che ricorda quando la macchina si sta avvicinando alla riserva, e rileva i benzinai nelle vicinanze. E ancora: la notifica «trova parcheggio», per localizzare dove è stata lasciata la macchina. Infine l’app è collegata anche al sistema airbag: in caso di scoppio il sistema manda in automatico tre messaggi con richieste di aiuto e l’indirizzo di dove si trova la macchina.

Foto da: Pixabay

Leggi sull’argomento: A cosa servono gli insulti a Ilaria Naldini, la mamma della bimba morta in auto ad Arezzo?