Attualità

Maria Paola Gaglione e Ciro Migliore: la storia d’amore interrotta dalla morte e dalla transfobia

Maria Paola e Ciro si erano conosciuti nella villa di Caivano. Da solo un mese i due avevano deciso di andare a convivere ad Acerra, lasciando il Parco Verde. Fino a che Maria Paola è morta in seguito al balzo dallo scooter speronato dal fratello maggiore Michele,ora in carcere con l’accusa di omicidio preterintenzionale

Maria Paola Gaglione e Ciro Caivano

La storia d’amore tra Maria Paola Gaglione, la ragazza ventenne di Caivano morta in seguito al balzo dallo scooter speronato dal fratello maggiore Michele (ora in carcere con l’accusa di omicidio preterintenzionale) e Ciro Migliore, 22 anni, un ragazzo trans FtM (Female to Male), ricoverato in clinica dopo l’incidente e l’aggressione subita sempre ad opera del fratello della sua fidanzata, era cominciata tre anni fa.

La storia d’amore tra Maria Paola Gaglione e Ciro Migliore

Maria Paola e Ciro si erano conosciuti nella villa di Caivano. Da solo un mese i due avevano deciso di andare a convivere ad Acerra, lasciando il Parco Verde. A spiegare il perché della scelta di allontanarsi da Caivano è lo stesso Ciro, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera di oggi:

Volevamo allontanarci dalla sua famiglia. Loro ci hanno sempre ostacolati. Non volevano che stessimo insieme perché dicevano che eravamo due femmine. Ma non è vero. Io non sono una femmina. Avevo 15 anni quando ho capito di essere un uomo, mi sentivo e mi sento un uomo, E Maria Paola mi ha sempre amato come uomo.

La famiglia di Maria Paola non aveva mai accettato quella relazione, tanto da accusare Ciro di “aver infettato” la ragazza, accusa che non gli rivolgevano direttamente, ma che usavano con gli abitanti del quartiere per tutelare il loro perverso concetto di onorabilità. I Gaglione erano perfino andati a casa della mamma di Ciro, Rosa Buonadonna, che insieme al figlio era oggetto delle continue minacce. Nella stessa intervista al Corriere, la signora Rosa, che ha un banco al mercato di Caivano, racconta:

Sono perfino venuti a casa mia. Erano in cinque, c’era il fratello della ragazza, il padre e pure altri parenti. E mi hanno minacciato, hanno detto che se mio figlio non l’avesse lasciata se la sarebbero presa anche con me, mi avrebbero bruciato la bancarella. Ma io la denuncia non l’ho fatta.

Caivano
Il Parco Verde di Caivano

Solo la sorella di Maria Paola, Roberta, non aveva gli stessi pregiudizi che avevano in famiglia, e accanto al luogo dov’è morta Paola, ha lasciato un biglietto con su scritto «Non avrei mai immaginato un destino così crudele per una persona così speciale». Ciro Migliore ha invece affidato a Instagram il suo dolore per la morte di Paola:

Amore mio, oggi sono esattamente 3 anni di noi, 3 anni. A prenderci e lasciarsi in continuazione, avevo la mia vita come tu avevi la tua, ma non abbiamo mai smesso di amarci, dopo 3 anni ti stavo vivendo ma la vita mi ha tolto l’amore mio più grande, la mia piccola. Non posso accettarlo, perché Dio non ha chiamato me? Perché proprio a te amore mio, non riesco più a immaginare la vita senza te, non ci riesco.

E al giornalista del Corriere rimarca: «Noi veramente ci amavamo».

Il ddl sull’omotransfobia in discussione alla Camera

Oggi Michele Gaglione, sposato e padre di due bambini, comparirà dinanzi al gip per l’udienza di convalida. L’accusa a suo carico, che in un primo momento era di omicidio come conseguenza di altro reato e violenza privata, è diventata di omicidio preterintenzionale aggravato da futili motivi e dal vincolo di parentela. Non ci sarà, invece,  l’aggravante dell’omotransfobia, non ancora introdotta nel nostro ordinamento. Il relativo disegno di legge è approdato alla Camera solo ai primi di agosto. Prevede di estendere la legge Mancino del 1993 agli atti discriminatori fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere. Attualmente in discussione, la legge è attesa da 24 anni (la prima proposta risale al 1996). Il testo della legge prevede il carcere da 1 a 4 anni per chi istiga alla violenza omofobica e la reclusione fino a 1 anno e 6 mesi, o una multa fino a 6 mila euro, per chi diffonde idee basate sulla discriminazione di genere.

Leggi anche: Mago Idi: il papà di Susanna Ceccardi è un esperto di cartomanzia