Attualità

I topi invadono il Campidoglio

topo campidoglio 1

I topi invadono il Campidoglio. E arrivano negli uffici legali dell’amministrazione. Il Messaggero oggi racconta in un articolo a firma di Fabio Rossi che a lanciare l’allarme, nero su bianco, sono il capo dell’Avvocatura capitolina Angela Raimondo e il dirigente amministrativo Nicola Cirillo, in un documento «urgentissimo» inviato al Dipartimento Tutela ambientale del Comune, dove si parla esplicitamente di «infestazione da ratti». L’Avvocatura aveva già segnalato (invano) il problema ai piani alti di Palazzo Senatorio. Ma, si legge nella lettera, «negli ultimi giorni si sono moltiplicati gli avvistamenti, nei corridoi e nelle stanze dell’Avvocatura, di ratti di notevoli dimensioni».

Al lanciare l’allarme, nero su bianco, sono il capo dell’Avvocatura capitolina Angela Raimondo e il dirigente amministrativo Nicola Cirillo, in un documento «urgentissimo» inviato al dipartimento Tutela ambientale del Comune, dove si parla esplicitamente di «infestazione da ratti». L’Avvocatura aveva già segnalato (invano) il problema ai piani alti di Palazzo Senatorio. Ma, si legge nella lettera, «negli ultimi giorni si sono moltiplicati gli avvistamenti, nei corridoi e nelle stanze dell’Avvocatura, di ratti di notevoli dimensioni».

topo campidoglio
Foto da: Repubblica Roma, 31 maggio 2017

In particolare, sottolinea l’avvocato Raimondo, «è stata accertata la presenza di almeno un topo vivo nella stanza del dirigente amministrativo». Nel documento si segnala, quindi, «che fino alla derattizzazione e sanificazione della stanza suddetta, non sarà possibile svolgervi alcuna attività».

L’Avvocatura ritiene urgente «per l’intera struttura l’attuazione di un intervento professionale, strutturale e ripetuto, di derattizzazione, per tentare di stroncare in pochi giorni una situazione che è senza dubbio non più tollerabile». Altrimenti, tutta l’attività dell’ufficio di via del Tempio di Giove rischierà di fermarsi, o di doversi trasferire altrove.

Leggi anche: Anastasia Kylemnyk, lo zaino, gli sms e il mistero dei 20mila euro