Attualità

E Grillo si avvale della prescrizione per sfuggire alla querela di Franco Battaglia

franco battaglia

Beppe Grillo è stato condannato in primo grado e in appello ad Ancona per aver diffamato Franco Battaglia associato di chimica e fisica all’Università di Modena. La pena: 6mila euro di multa invece di un anno di carcere inflitto in primo grado.

Nel 2011, alla vigilia del referendum sul nucleare, Michele Santoro aveva invitato in studio alcuni esperti, fra cui Battaglia, da sempre paladino dell’atomo e del suo utilizzo.

Così l’editorialista del Giornale era finito nel mirino del comico genovese che qualche giorno dopo,nel corso di un comizio a San Benedetto del Tronto, lo aveva apostrofato con parole durissime: «Ai tempi del fascismo non si mediava… Anch’io non voglio mediare: Battaglia, che è pagato dalle multinazionali, lo prendo a calci nel c… e lo sbatto in galera». Un discorso inaccettabile e minaccioso, costruito con lo scopo di screditare uno studioso apprezzato dai lettori per la sua capacità di ribaltare luoghi comuni, ha detto l’avvocata Lauretta Giulioni che difendeva Battaglia.

Ma lo stesso Battaglia fa sapere oggi sul Giornale che Grillo si è avvalso della prescizione in Cassazione per far chiudere il suo processo:

«La prescrizione deve interrompersi dopo il rinvio a giudizio: chiediamo al governo di mantenere i propri impegni!». Così tuonava Alfonso Bonafede, probabilmente in un discorso alla Camera dei deputati, com’è riportato sulla pagina del 24 ottobre 2015 del blog del suo intimo amico, Beppe Grillo. Bonafede è ministro della Giustizia da molti mesi, ma ieri, 3 aprile, Beppe Grillo ha avuto estinto uno dei suoi tanti reati di diffamazione, proprio per prescrizione.

Più precisamente è lo stesso Grillo che, prostratosi in ginocchio innanzi ai giudici della Corte di Cassazione ha chiesto – e ottenuto – di avvalersi di una prescrizione che, solo per mero vizio formale del Tribunale di Ascoli Piceno gli è stata, obtorto collo, riconosciuta.

Battaglia scrive che tutti i tre gradi di giudizio hanno confermato il reato di diffamazione di Grillo, ma siccome sono trascorsi i termini della prescrizione del reato senza recidiva (anche se il comico è recidivo), il reato di Grillo è estinto. Egli non deve pagare allo Stato alcunché, neanche i 6000 euri comminatigli dalla Corte d’appello di Ancona.

Leggi anche: «Reddito di cittadinanza, la legge è sbagliata»