Attualità

Firme M5S, la procura di Bologna chiede il rinvio a giudizio per quattro

marco piazza

La Procura di Bologna ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro indagati nell’inchiesta sulla raccolta firme a sostegno della lista del Movimento 5 Stelle per le regionali del 2014. La richiesta al Gip, di cui dà notizia il Corriere di Bologna, trova conferme in ambienti giudiziari e riguarda il vicepresidente del consiglio comunale Marco Piazza, autosospesosi dal Movimento, il dipendente comunale Stefano Negroni e due ex attiviste (Giuseppina Maracino e Tania Fiorini).

Firme M5S, la procura di Bologna chiede il rinvio a giudizio per quattro

Tutto partì da un esposto di due ex militanti 5 Stelle. L’inchiesta del Pm Michela Guidi e del procuratore Giuseppe Amato contesta a vario titolo una manciata di firme raccolte fuori regione, durante la kermesse al Circo Massimo e alcune sottoscrizioni disconosciute dai firmatari e certificate come autentiche. Tra le firme imputate a Piazza ce ne sono due che sarebbero state raccolte da un’attivista non abilitata, che le avrebbe recuperate tra le colleghe in città metropolitana, durante una pausa dal lavoro. La difesa sostiene l’assenza del dolo.

massimo bugani marco piazza firme irregolari m5s - bologna
Marco Piazza (a destra) e Massimo Bugani in piazza durante un comizio

La vicenda per la verità era venuta già alla luce nell’ottobre di due anni fa – poco prima delle elezioni regionali – quando due attivisti di Monzuno, Stefano Adani e Paolo Pasquino depositarono un esposto per denunciare quelle che a loro dire erano le irregolarità compiute dal M5S nella raccolta delle firme per la presentazione delle liste elettorali. Un dossier piuttosto corposo, fatto di racconti, testimonianze dirette e prove circostanziate che secondo i due attivisti del Cinque Stelle dimostrava gli illeciti compiuti durante le fasi di presentazione delle liste. Il più eclatante è quello della raccolta firme effettuata durante Italia a 5 Stelle al Circo Massimo a Roma che si svolse il 10 11 e 12 ottobre 2014. In quell’occasione in alcuni banchetti allestiti dagli attivisti dell’Emilia Romagna vennero raccolte le firme per le candidature; firme irregolari dal momento che sono state raccolte al di fuori del territorio di riferimento. Altri tre episodi invece sono locali e riguardano l’assenza del pubblico ufficiale che ha il compito di certificare la veridicità e l’autenticità delle sottoscrizioni: due episodi riportati sono accaduti a Bologna (nel circolo Mazzini, uno dei luoghi deputati alle riunioni degli attivisti, e durante il “Firma Day”) mentre l’ultimo si è verificato durante una campagna di raccolta firme a Vergato, sull’appennino tosco-emiliano.

La risposta del M5S

Come per Palermo, insomma, le firme false del MoVimento 5 Stelle stanno per scoppiare in mano al partito di Grillo anche a Bologna. Qui a rischiare è Massimo Bugani, che ha per giorni negato qualsiasi coinvolgimento del M5S nel caso e ha accusato gli ex attivisti di aver complottato per una vendetta: particolare smentito dai protagonisti come Andrea Defranceschi ma anche, tutto sommato, irrilevante: quello che conta è l’azione della magistratura, non da cosa sia scaturita. Soprattutto: rispetto a Palermo, dove i fatti risalgono al 2012 e il reato si prescrive nel 2017, qui siamo perfettamente in tempo per arrivare al processo.

firme false m5s emilia romagna email
Le firme di Bologna e le foto su Facebook

Tra i circa 150 firmatari sentiti dai carabinieri di Vergato, tanti si sono detti «assolutamente sicuri» che quella fosse la loro firma, ma poi hanno riempito i verbali di «non ricordo» quanto è stato chiesto loro dove avessero firmato e se nelle foto mostrate riconoscessero i certificatori. A quanto pare le poche firme considerate false, perché disconosciute da presunti sottoscrittori, sono state poi autenticate da Negroni. A Piazza viene invece contestato di aver certificato firme apposte in sua assenza. Racconta il Corriere di Bologna che Piazza davanti ai pubblici ministeri si è difeso parlando di un possibile complotto degli ex:

Dice Piazza ai pm: «Nel novembre 2014 venni a sapere dai giornali di un esposto e chiesi conto a Serena Saetti (storica esponente del Movimento bolognese, ndr) la quale mi confermava che effettivamente c ’era stata una raccolta a Roma per le Regionali ma che non essendo regolari erano state fermate e i moduli cestinati». Ma ai pm Piazza, che non era a Roma, offre ancora un’altra lettura: «Sull’elenco presente a Roma non posso escludere che via sia stata una macchinazione da parte di alcuni ex attivisti e che me l’abbiano sottoposto per la sottoscrizione senza che me ne rendessi conto».
La difesa di Piazza non scarta infine la possibilità che alcune delle sottoscrizioni siano poi state nuovamente raccolte al rientro da Roma, al punto di ritrovo del pullman, e nemmeno che le firme siano erroneamente finite tra i moduli regolari senza che ne sapesse nulla.

EDIT: Marco Piazza dice all’Adn Kronos di non aver ricevuto comunicazioni dalla procura:

“Non so niente, apprendo la notizia dalla stampa ma non ho ricevuto nessuna comunicazione dalla Procura”. Così all’Adnkronos, Marco Piazza, vicepresidente del Consiglio Comunale di Bologna, sulla richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura di Bologna per lui e gli altri tre indagati nell’inchiesta sulla raccolta irregolare di firme a sostegno della lista del Movimento 5 Stelle per le regionali del 2014. La richiesta al Gip riguarda il vicepresidente del consiglio comunale Marco Piazza, autosospesosi dal Movimento in attesa della decisione della Procura ora arrivata, il dipendente comunale Stefano Negroni e due attiviste, Tania Fioroni e Giuseppina Maracino, che hanno partecipato ai banchetti di raccolta firme. L’ipotesi di reato è di violazione della legge elettorale e precisamente l’articolo 90 (comma due) del Dpr 570/1960, ovvero il testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle amministrazioni comunali. Ad essere contestate nell’indagine circa 24 firme. La vicenda era venuta già alla luce nell’ottobre del 2014, poco prima delle elezioni regionali, quando due attivisti di Monzuno, Stefano Adani e Paolo Pasquino, depositarono un esposto per denunciare irregolarità compiute dal M5S nella raccolta delle firme per la presentazione delle liste elettorali. I due – che in seguito hanno abbandonato il Movimento – vennero minacciati di querela per queste accuse, dal capogruppo del M5S al Comune di Bologna, Massimo Bugani, particolarmente vicino a Beppe Grillo e Davide Casaleggio. La querela però non fu mai sporta. Tra le firme irregolari imputate a Piazza ce ne sono due che sarebbero state raccolte da un’attivista non abilitata, che le avrebbe recuperate tra le colleghe in città metropolitana, durante una pausa dal lavoro.

Leggi sull’argomento: L’indagine sulle presunte firme false del M5S a Bologna