Attualità

Draghi: “Da domani riprenderanno le vaccinazioni con AstraZeneca”

“Il governo italiano accoglie con soddisfazione il pronunciamento dell’Ema. La priorità del Governo rimane quella di realizzare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile”

Draghi AstraZeneca

Da domani riprenderanno le vaccinazioni con AstraZeneca. Ad annunciarlo è il presidente del Consiglio Mario Draghi: “Il governo italiano accoglie con soddisfazione il pronunciamento dell’Ema sul vaccino di AstraZeneca. La somministrazione del vaccino Astrazeneca riprenderà già da domani. La priorità del Governo rimane quella di realizzare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile”.

La comunicazione del presidente del presidente del Consiglio arriva pochi minuti dopo la conferenza stampa dell’Ema, in cui la direttrice esecutiva dell’agenzia europea del farmaco Emer Cooke ha chiarito che non c’è alcun rischio nell’utilizzo del vaccino anglosvedese. Quindi da domani alle 15 riprenderanno le vaccinazioni. in tutta Italia, dopo che il 15 l’Italia, insieme a  Germania, Francia e Spagna, ha deciso di sospendere AstraZeneca in via precauzionale.

L’Ema su AstraZeneca. Draghi: da domani ok alla ripresa

Sostanzialmente l’Agenzia europea del farmaco ha confermato quanto detto nelle settimane e nei mesi precedenti alla decisione del leader europei di stoppare la somministrazione del vaccino anglo-svedese. Non ha detto nulla di più: che è sicuro ed efficace. Ma questo lo ha sempre sostenuto. Eppure si son persi quasi quattro giorni di vaccinazione con AstraZeneca. Che significa decine di migliaia di persone in meno vaccinate. Sola una cosa è diversa: ora la gente ha più paura nel recarsi nei centri vaccinali.

Le razioni in Italia

Iniziano ad arrivare i primi commenti. Tra i primissimi c’è il virologo dell’università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco che ad Adnkronos Salute ha detto:

La decisone dell’Ema sul vaccino anglo-svedese è quello che ci aspettavamo anche se lascia agli Stati il compito di profilare delle raccomandazioni sui rischi trombofilici per chi è in cura con terapie ormonali, speriamo che questo però non accada. La narrazione sul vaccino AstraZeneca lascia però uno strascico, temo che la prosecuzione zoppicherà e rimarranno dei dubbi nei cittadini.

Bene la decisione, ma ora serve di più. Lo sottolinea il sottosegretario alla Salute Andrea Costa: “Ora dobbiamo avviare una campagna di comunicazione che riesca a colmare il gap di fiducia che è venuta meno da parte dei cittadini, eliminando dubbi e smascherando le fake news, consapevoli che il vaccino sia la principale via d’uscita dalla pandemia. Andiamo avanti senza perdere ulteriore tempo”.