Attualità

Daniela Rodorigo: la dirigente del ministero della Salute della campagna sulla fertilità

Daniela Rodorigo è la dirigente che la ministra della Sanità Beatrice Lorenzin ha utilizzato come capro espiatorio per respingere le accuse di razzismo nei suoi confronti dopo l’ennesimo fallimento della sua campagna sulla fertilità.  La Rodorigo è la dirigente che ieri la diplomata prestata alla politica ha revocato in diretta Facebook accusandola di essere la colpevole della diffusione dell’immagine razzista che ha portato ancora una volta discredito all’Italia dopo la figura di malta dell’agosto scorso aggravata dall’incredibile atteggiamento del premier Matteo Renzi che ha fatto finta di non saper nulla della campagna. Qualche suo virgolettato è comparso oggi su Repubblica:

«No no, la dottoressa non parla. C’è ma non parla». Sono passate le otto di sera e Daniela Rodorigo è ancora al ministero, insieme alla sua segretaria. Mentre fuori si scatena la tempesta che potrebbe portare al suo allontanamento, lei se ne sta chiusa nella sua stanza. «Pronto? L’ho richiamata perché invece la dottoressa qualcosa vuole dire». Allora, cosa è successo? Perché la foto dell’opuscolo è cambiata? «No guardi — risponde la responsabile della comunicazione istituzionale del ministero — a tutte queste domande adesso non rispondo. Però le dico questo: tratterò la questione nelle sedi opportune. Vedremo cosa succederà». Il tono di voce sicuro è quello di chi sa di avere frecce nel suo arco, della serie: la verità verrà fuori. Rodorigo, una super dirigente da 230mila euro di stipendio all’anno, era finita nel mirino del Gabinetto del ministero dopo la prima campagna di comunicazione sul Fertility day, quella ritirata. Aveva retto il colpo, mantenendo il suo ruolo di vertice. È stata però la foto di un opuscolo a mettere a rischio la sua carriera, anche se lei adesso non sembra preoccupata «Aspettate. Vedremo…». 

daniela rodorigo dirigente ministero della salute
I dati sugli stipendi del ministero della Sanità

La Lorenzin ha annunciato procedimento disciplinare e richiesta di revoca dirigenziale per la responsabile della direzione generale comunicazione, Daniela Rodorigo. Provando a coprire l’ultima figuraccia. Ci riuscirà?

Leggi sull’argomento: Beatrice Lorenzin, una ministra da cacciare