Attualità

Coronavirus, quali mascherine: il tutorial del medico su Facebook

Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo dell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, spiega come si usano le mascherine in un modo interessante, ovvero dividendole in tre tipi: altruiste, egoiste e intelligenti

In questo video pubblicato sulla sua pagina facebook il medico Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo dell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, spiega come si usano le mascherine in un modo interessante, ovvero dividendole in tre tipi: altruiste, egoiste e intelligenti. La prima mascherina che mostra il dottore è quella “chirurgica”, che ha i laccetti e sono quelle della persona “altruista”, perché servono per proteggere gli altri.

alessandro gasbarrini tutorial mascherine mascherina chirurgica

Il secondo tipo di mascherina che mostra il dottore è la mascherina “egoista”, ovvero quelle FP2 o FP3 con la valvola davanti: “Queste sono le mascherine della persona egoista, perché dalla valvola esce il materiale, quindi i germi e i microbi: infettano ma non si infettano. Chi la porta dovrebbe mettere anche la mascherina chirurgica perché sennò è uno stronzo”.

alessandro gasbarrini tutorial mascherine mascherina fp2-fp3

L’ultima mascherina che mostra il dottore è quella “intelligente”: senza valvola ma serve per proteggere sia sé stessi che gli altri, “perché protegge sia te che gli altri”.

alessandro gasbarrini tutorial mascherine mascherina intelligente

Il dottore conclude dicendo di essere molto affezionato alla mascherina “altruista”, che serve a proteggere gli altri. Nella fase 2 le mascherine andranno utilizzate da tutta la popolazione ogni volta che si esce di casa e quando in generale ci si trova a contatto con altre persone. Non avrà invece senso utilizzarle quando sarà possibile uscire per fare una passeggiata all’aria aperta da soli o quando si guida l’automobile senza nessun altro passeggero. Ma bisognerà anche stare attenti alle tipologie: la mascherina chirurgica, ad esempio, deve essere utilizzata quando si ha necessità di uscire di casa per fare la spesa, andare in farmacia, per situazioni di emergenza e per recarsi a lavoro. La mascherina FFP3, invece, è necessaria per gli operatori sanitari che operano in aree di degenza a rischio. La mascherina FFP2 con valvola di esalazione è necessaria per i soccorritori e il personale del triage perché a contatto con persone potenzialmente contagiate. La mascherina FFP2 senza valvola è adatta a proteggere medici di medicina generale e guardia medica e deve essere inoltre indossata dalle forze dell’ordine.

coronavirus mascherine
Mascherine: i tipi e gli utilizzi (La Stampa, 4 aprile 2020)

Una persona che trascorre 10 ore fuori casa in ufficio e che ha a disposizione la classica mascherina chirurgica, oggi la più comune, ne avrà bisogno minimo di tre, da cambiare all’incirca dopo 4 ore. A una persona che, ad esempio, esce di casa una volta al giorno solo per fare la spesa ne occorrerà una soltanto.

mascherine tipi modelli chi le deve utilizzare
Mascherine: i quattro tipi di modelli e chi le deve utilizzare (Corriere della Sera, 12 marzo 2020)

Come si indossa e come si toglie la mascherina? Prima di metterla bisogna lavarsi le mani con acqua e sapone o strofinarle con una soluzione alcolica. Poi bisogna indossarla prendendola dall’elastico evitando di toccarla. Deve coprire naso e bocca. Quando diventa umida, va sostituita con una nuova e non riutilizzata. Per toglierla, conclude ancora La Stampa, vale
la stessa regola che si deve seguire quando la si indossa e cioè prenderla dall’elastico ripiegandola su se stessa ed evitando di toccare la parte anteriore con le mani. Alla fine dell’operazione bisogna di nuovo lavarsi le mani.

come si mette e come si toglie la mascherina
Come si mette e come si toglie la mascherina (La Repubblica, 3 aprile 2020)

Leggi anche: Il pasticcio di Regione Lombardia sulle mascherine in farmacia da oggi