Attualità

Bollettino Coronavirus in Italia oggi: i dati della Protezione Civile per il 9 ottobre

Dopo i 4458 casi e 22 decessi di ieri la situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 5372 casi e 28 decessi

bollettino protezione civile coronavirus italia oggi 9 ottobre

Dopo i 4458 casi e 22 decessi di ieri la situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 5372 casi e 28 decessi. Sono stati effettuati 129.471 tamponi. L’aumento è di 914 nuovi contagi.

Bollettino Coronavirus in Italia oggi: i dati della Protezione Civile per il 9 ottobre

La ripartizione dei casi regione per regione: in Puglia 249 nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore. Sono il 5,4 per cento dei 4595 test processati. La provincia in cui si rilevano piu’ casi e’ Bari con 66 nuovi contagiati dove “la situazione e’ costantemente monitorata e sotto controllo”, assicura il dg della Asl, Antonio Sanguedolce e specifica che “continua l’attivita’ di sorveglianza da parte del dipartimento di prevenzione per il tracciamento dei contatti stretti”. Gli altri nuovi positivi sono stati rilevati 6 in provincia di Brindisi, 36 nella Bat, 87 in provincia di Foggia, 24 in provincia di Lecce, 27 in quella di Taranto e 3 sono casi di residenti fuori regione. In Abruzzo 103 casi, risultati dai 2.787 test eseguiti nelle ultime 24 ore (da inizio emergenza ne sono stati fatti 218.754). E anche oggi ci sono diversi giovani tra i positivi: 8 hanno meno di 19 anni (4 in provincia di Pescara, uno in provincia di Chieti e 3 in provincia di Teramo), con il range di persone contagiate di eta’ compresa tra i 3 e i 96 anni. Continua a salire anche il numero dei decessi con la morte di una 80enne della provincia di Chieti: il totale sale cosi’ a 487. Con i 103 casi di oggi, resi noti dal bollettino quotidiano diffuso dall’assessorato alla Sanita’, i contagi da Coronavirus in Abruzzo raggiungono quota 4.886. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 3.150 dimessi/guariti (+5 rispetto a ieri, di cui 18 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 3.132 che hanno cioe’ risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1.249 (+97 rispetto a ieri). Se in terapia intensiva i ricoveri restano invariati (7), in ospedale continuano ad aumentare e con i 10 di oggi raggiungono quota 100. Esponenziale la crescita delle persone in isolamento domiciliare: sono 1.142 (+87 rispetto a ieri). Del totale dei casi positivi, 752 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+24 rispetto a ieri), 1148 in provincia di Chieti (+22), 2.005 in provincia di Pescara (+18), 931 in provincia di Teramo (+39), 37 fuori regione (invariato) e 13 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. In Veneto sono 397 i nuovi casi rilevati da ieri, il che porta a ben 593 il totale dei nuovi casi nelle 24 ore e a 5.474 i soggetti attualmente positivi. Aumentano anche i ricoveri, che ora sono 304, con 208 pazienti positivi e 96 negativizzati, e le terapie intensive, che sono 30, con 21 positivi e nove negativizzati. I soggetti nelle strutture territoriali sono 35, di cui 18 positivi e 17 negativizzati. Nella notte non risulta alcun decesso. Questi i dati diffusi dalla Regione Veneto nel bollettino del mattino. Nelle Marche sono 49 i positivi rilevati nelle ultime 24ore su 1.188 nuove diagnosi: 17 nella provincia di Ascoli Piceno, 12 nella provincia di Fermo, 12 nella provincia di Macerata, 6 nella provincia di Pesaro Urbino, 2 nella provincia di Ancona. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (15 casi rilevati), contatti in setting domestico (13 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (8 casi rilevati), un rientro dall’estero (Romania), contatti in setting lavorativo (2 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/divertimento (4 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (2 casi rilevati). Di 4 casi si stanno effettuando le indagini.  Peggiora la situazione Covid in Alto Adige: sono stati registrati 85 nuovi casi positivi. Si conferma così il trend di crescita (martedì 17, mercoledì 51 e ieri 69 casi). Aumentano anche i ricoveri nei normali reparti ospedalieri da 21 mercoledì, 30 ieri e oggi 35. I pazienti di terapia intensivi salgono da uno a due. Come ogni venerdì i dati della Campania sono forniti dal governatore Vincenzo De Luca in diretta Facebook: “Entriamo nella fase D, cioe’ quella del contagio elevato o elevatissimo, perche’ se abbiamo 750 contagi il quadro cambia. L’obiettivo a cui puntiamo e’ avere piu’ o meno un equilibrio tra nuovi contagi e persone dichiarate guarite. Ma, se questo equilibrio salta, cioe’ se dovessimo avere mille contagi e 200 guariti al giorno e’ lockdown. Se, in termini assoluti, hai 800 positivi al giorno arriviamo alla chiusura di tutto”. In Toscana sono 17.095 i casi di positività al coronavirus, 483 in più rispetto a ieri (289 identificati in corso di tracciamento e 194 da attività di screening). I nuovi casi sono il 2,9% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età media dei 483 casi odierni è di 45 anni circa (il 20% ha meno di 20 anni, il 22% tra 20 e 39 anni, il 31% tra 40 e 59 anni, il 15% tra 60 e 79 anni, il 12% ha 80 anni o più) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 71% è risultato asintomatico, il 13% pauci-sintomatico. Delle 483 positività odierne, 33 sono suore che risiedono in un convento. 4 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero. Il 39% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I guariti crescono dell’1% e raggiungono quota 10.801 (63,2% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 816.877, 10.781 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 5.121, +7,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 170 (11 in più rispetto a ieri), di cui 30 in terapia intensiva (3 in più). Oggi si registrano 3 nuovi decessi: 2 uomini e una donna con un’età media di 79,7 anni

 

 

Leggi anche: Mini lockdown: il ritorno delle zone rosse