Attualità

Tutto quello che Salvini racconta sui Rom è falso

Non passa giorno che Matteo Salvini non senta la necessità di dire la sua su come risolverebbe “il problema” rappresentato da Rom e Sinti in Italia. Ieri, in occasione della giornata della cultura Rom e Sinti il leader del Carroccio non ha perso l’occasione per fare l’ennesima sparata: dare un preavviso di sfratto sei mesi ai residenti dei “campi nomadi” e poi passare alle vie di fatto. Andando con le ruspe a radere al suolo ai “campi”. Che è la versione edulcorata di quella caldeggiata dai commentatori e simpatizzanti di Salvini: dargli fuoco.

Il sindaco di Albettone Joe Formaggio orgoglioso del suo cartello "anti-nomadi"
Il sindaco di Albettone Joe Formaggio orgoglioso del suo cartello “anti-nomadi”

VIETATO L’INGRESSO AGLI ZINGARI
C’è, volutamente, molta confusione sul tema perché alla fine gli zingari sono uno spauracchio che torna sempre utile in campagna elettorale. Ma non solo: come ci hanno mostrato le inchieste di Mafia Capitale attorno alla gestione e alla costruzione dei campi nomadi ruota un business milionario. Per dirla con le parole di Salvatore Buzzi «i zingari rendono più della droga». Salvini ci vuole mettere una pezza radendoli al suolo e dicendo ai residenti: vedetevela voi. Sebbene l’idea di Salvini riguardi la totalità dei “campi” italiani non sarebbe la prima volta che un campo nomadi viene sgomberato, i suoi residenti “ricollocati” o rimpatriati e successivamente il campo risorge dov’era e com’era. Il tutto ovviamente a spese della collettività.
A quanto pare a rendere nomadi i Rom e Sinti residenti in Italia ci pensano le autorità italiane (fonte: rapporto annuale associazione 21 luglio)
A quanto pare a rendere nomadi i Rom e Sinti residenti in Italia ci pensano le autorità italiane (fonte: rapporto annuale associazione 21 luglio)

Perché, sembra impossibile, lo Stato italiano e le forze politiche non riescono trovare una soluzione a quella che qualche anno fa veniva definita “emergenza nomadi” e che a ben guardare le stime fornite dall’Associazione 21 Luglio nel suo rapporto annuale riguarda circa quarantamila persone, ovvero lo 0,06% della popolazione residente in Italia. Perché questo è il numero di coloro che abitano nelle decine di “campi” italiani. Senza contare il fatto che il 50% dei Rom e Sinti residenti in Italia non sono stranieri ma sono cittadini italiani, proprio come Matteo Salvini e i suoi elettori. È credibile una persona che sostiene che 180.000 persone (delle quali solo il 3% è effettivamente nomade) rappresentano un pericolo alla sicurezza di oltre sessanta milioni di cittadini italiani? Dal momento che la popolazione Rom e Sinti residente in Italia è una delle meno numerose a livello europeo non ha nemmeno senso parlare di “invasione” e basta mettere i dati a confronto per capire che forse il vero pericolo per Rom e i Sinti è rappresentato dalla maggioranza della popolazione e non viceversa.

Facile capire come questa minoranza sia facilmente utilizzabile a fini propagandistici, troppo pochi per contare davvero finiscono per rappresentare un problema solo perché l’esistenza del problema è funzionale al mantenimento di una certa linea politica. E questo atteggiamento (quello di Salvini e di quelli che odiano i Rom) non è senza conseguenze. Un sondaggio del PeW Research Insititute mostra come l’Italia sia la nazione più zingarofoba d’Europa. Questo nonostante i Rom e Sinti residenti nel nostro Paese (tra i 120.000 e i 180.000) siano davvero molto pochi rispetto ai 6 milioni di Rom e Sinti che vivono all’interno dell’Unione Europea.

Sembrerebbe quasi che in Italia ci sia un problema di razzismo (fonte: http://www.pewglobal.org/)
Sembrerebbe quasi che in Italia ci sia un problema di razzismo (fonte: http://www.pewglobal.org/)

Al solito si odia e si teme quello che non si conosce. Ed in effetti il rapporto annuale dell’Associazione 21 luglio evidenzia proprio una carenza strutturale nelle politiche di integrazione di Rom e Sinti. Non accennano a diminuire invece gli attacchi (non solo a parole) contro i “campi” e “gli zingari” in generale. Giusto ieri lo spin-doctor di Salvini, Luca Morisi si vantava del successo dell’ultimo sfogo razzista di Salvini su Facebook. Mirate la portata delle idee rivoluzionarie del Capitano: milioni di italiani orgogliosi di odiare “gli zingari”. Mentre Morisi che si masturba sulla reach del post si dimentica che il suo “successo” sono i commenti che chiedono il ritorno di Mussolini, Hitler o semplicemente di sterminare tutti gli zingari.
Milioni di italiani sono razzisti e orgogliosi di esserlo. Ce lo certifica Luca Morisi in persona
Milioni di italiani sono razzisti e orgogliosi di esserlo. Ce lo certifica Luca Morisi in persona

LA LEGA E I ROM
Salvini continua a dimenticare che c’è stato un tempo in cui la Lega era ben contenta di finanziare i “campi nomadi”:

Nel 2008, quando Gianni Alemanno divenne sindaco di Roma, al Governo c’era Berlusconi e il ministro dell’Interno era il leghista Roberto Maroni (ora presidente della Regione Lombardia). Alemanno annuncia la sua “rivoluzione copernicana” per quanto riguarda la gestione dei campi nomadi e delle presenze dei rom nella Capitale: sgombero dei campi abusivi, “riduzione” della popolazione nomade residente da 7200 a 6000 persone. Per risolvere il problema e dare una mano ad Alemanno il Governo emana il decreto “emergenza nomadi” che dà speciali poteri al prefetto della città di Roma. Ma questo non basta al sindaco: Almemanno infatti chiede ed ottiene da Maroni un finanziamento di 30 milioni di euro per poter affrontare “l’emergenza”. Secondo quanto apprendiamo dalla Stampa dieci milioni sarebbero stati destinati alla costruzione di un nuovo campo, gli altri 20 allo smantellamento e alla ristrutturazione degli altri insediamenti dei nomadi della Capitale. Nel 2001 il sindaco di Roma sarebbe tornato alla carica e per chiede al Ministro dell’Interno altri 60 milioni di euro, ma a quel punto Maroni nega il nuovo finanziamento, dicendo che quell’anno la stessa cifra era stata stanziata per fronteggiare “l’emergenza” in 5 regioni (Lazio, Campania, Lombardia, Piemonte e Veneto); di quei 60 milioni un terzo finirà in Lazio.

lega
Eh, mannaggia a quei cattivoni che davano i soldi per i nomadOHWAIT (Fonte: Facebook.com)

Se ci sono due cose in cui i leghisti sono maestri indiscussi queste sono la capacità di dimenticare quello che hanno fatto (e i problemi che NON hanno risolto) quando erano al Governo e l’abilità di far pagare agli italiani i costi dei loro annunci roboanti (vedasi ad esempio la questione quote latte). Chissà chi pagherà l’idea di Salvini di “dare lo sfratto” ai Rom residenti nei “campi” italiani. Chissà quali comuni italiani pagheranno (in termini di edilizia popolare) gli alloggi che saranno concessi ai Rom indigenti che ne faranno regolare richiesta e che grazie alla pensata del leader della Lega si troveranno senza un tetto sulla testa. Sicuramente Salvini ha già pronto un nuovo slogan: “gli zingari che rubano le case degli italiani”. In fondo sui Rom e sui Sinti sappiamo tutti che rubano tutto, no? Salvini è davvero un maestro del dare non-soluzioni. E visto il consenso che sta raccogliendo possiamo stare certi che ci saranno molti che non affitteranno casa agli zingari, non venderanno casa agli zingari o che firmeranno petizioni per non avere quella famiglia di Rom o di Sinti nel loro bel quartiere. Mal che vada si creeranno altri ghetti. Che Salvini potrà andare a visitare scortato da polizia, carabinieri e telecamere. Promuovere e sostenere il diritto all’alloggio, le politiche di integrazione dei Rom e Sinti (che sono tra gli obbiettivi di Euro 2020), di sostegno ai minori Rom e Sinti che vivono nei campi sono tutte cose che richiedono tempo, fatica e rischiano di cambiare davvero lo stato delle cose. Magari risolvere pure il problema dei “campi nomadi”. E poi Salvini con chi se la prende?