Attualità

Terremoto a Reggio Calabria

Una scossa di terremoto di magnitudo 4,2 è stata registrata questa mattina nel sud della Calabria, in un’area compresa tra Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Lo riferisce l’Ingv in un tweet, spiegando che il sisma è avvenuto alle 7,24, a una profondità di 11 chilometri. La Protezione Civile della Calabria fa sapere che per ora non si segnalano danni a persone o cose. La scossa di terremoto è stata avvertita anche a Messina.

terremoto reggio calabria

Su Twitter in molti segnalano che la scossa è stata avvertita in altre zone come Tropea e Cosoleto. La prima stima dell’INGV segnalava una magnitudo tra 4,1 e 4,6. Il comunicato dell’INGV recita:

Un terremoto di magnitudo ML 4.2 è avvenuto nella zona: Costa Calabra sud occidentale (Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria), il

28-09-2018 05:24:31 (UTC) 30 minuti, 20 secondi fa
28-09-2018 07:24:31 (UTC +02:00) ora italiana
con coordinate geografiche (lat, lon) 38.38, 15.73 ad una profondità di 11 km.

Soccorsa Bruno, vicesindaco di Palmi, comune più vicino all’epicentro della scossa di terremoto di stamattina, ha parlato con l’Adn Kronos: “La scossa si è avvertita parecchio. Siamo in contatto con la protezione civile regionale e abbiamo allertato il centro operativo. Squadre sono uscite a perlustrare la zona e a fare verifiche”. Il vicesindaco sottolinea che le verifiche proseguono anche “nella zona mare”. Insieme alla protezione civile regionale si sta “valutando la questione delle scuole”. A seguito dell’evento sismico registrato dall’Ingv in Calabria alle ore 7.24 con magnitudo 4.2, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile. Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro localizzato tra i comuni di Palmi, Bagnara Calabra, Seminara e Scilla in provincia di Reggio Calabria – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati al momento danni a persone e cose. E’ stata sospesa per precauzione la circolazione dei treni sulla linea ferroviaria Reggio Calabria-Rosarno in seguito al sisma di magnitudo 4.2 registrato stamane, alle 7,24, a una profondità di 11 chilometri, al largo della costa tirrenica calabrese, fra le province di Catanzaro e Reggio Calabria. Tecnici di Rfi, secondo quanto rende noto Trenitalia, stanno effettuando delle verifiche a scopo precauzionale sui binari, ma si tratta di una procedura standard che scatta nel caso in cui siano segnalati movimenti tellurici di una certa intensità. Al momento non sarebbe stato rilevato nessun problema. I treni sono stati fermati nelle stazioni e ripartiranno ad accertamenti ultimati.

Leggi sull’argomento: Manovra del Popolo: cosa succede con il deficit al 2,4%