Attualità

Le strade di Roma al buio, l'ACEA riparerà i lampioni tra due mesi

roma al buio acea

Nel centro storico, nella cinta delle immediate periferie e anche in quelle più vicine al Raccordo Anulare: tutto buio. Non c’è illuminazione sufficiente sulla Tangenziale Est. Pochissima luce lungo tutto l’asse della via Nomentana. Stesso fenomeno in via Gorizia. Identica situazione in pieno centro storico: via dell’Aracoeli o in via della Rosetta. In via di Torre Argentina e in via de’ Nari. Il Corriere della Sera Roma oggi riepiloga con tanto di foto la situazione paradossale della città che reclama più sicurezza e spiega che l’ACEA è al corrente della situazione, in parte causata da alcuni guasti, ma per le riparazioni bisognerà aspettare:

La domanda è inevitabile, e se la pongo tanti cittadini che scrivono al Corriere della Sera: ma l’Acea dov’è? E soprattutto: che fa? Fonti ufficiali dell’azienda ammettono senza problemi il momento difficile. C’è una condizione che viene definita di «eccezionale gravità» dopo le forti piogge del 10 e 11 settembreche hanno procurato «un numero di guasti considerevole, per lo più dovuti alla rete ormai vecchia, in via di sostituzione».
Perché il punto, dicono all’Acea, è proprio questo: si sta procedendo a interventi di ammodernamento e bonifica degli impianti per risolvere molte situazioni di forte deterioramento delle linee elettriche per l’illuminazione pubblica. Si parla tecnicamente di «vetustà». Insomma, fa sapere l’Acea, se alcune strade appaiono buie è per via dei guasti e anche per i lavori di ammodernamento che in estate sono stati accelerati: l’obiettivo è rinnovare totalmente gli impianti. Ma tutto questo, ripetono dall’azienda, richiede «lavorazioni estese» e «sostituzioni di significative porzioni di cavo con importanti cantieri stradali». Di qui le «rialimentazioni parziali e progressive delle installazioni». Termini tecnici per spiegare che se la luce manca è perché c’è un grosso cantiere aperto nelle vicinanze, quindi l’energia può mancare ed essere ricollegata lentamente.

roma buio acea
Le foto del Corriere Roma sulla città al buio (1 ottobre 2017)

Ma c’è di più. ACEA assicura che «è stato aumentato il numero delle squadre operative con oltre cento tecnici coinvolti» e si conta di chiudere la bonifica e la riaccensione totale «entro il mese di dicembre». Una tempistica che l’Acea definisce «da record», per la vastità del territorio romano.