Attualità

L'inchiesta di Report su Renzi, l'Eni, l'Unità e gli appalti di Pessina in Kazakhstan

renzi unità eni pessina 1

Nella puntata di stasera di Report si parla dell’Unità e del suo azionista di riferimento, la Pessina Costruzioni. Ma anche degli appalti dell’ENI e di Matteo Renzi. Che, scrive Il Fatto Quotidiano stamattina, ha rifiutato di rispondere alle domande della trasmissione Rai mentre i suoi legali hanno minacciato querele.

L’inchiesta di Report su Renzi, l’Eni, l’Unità e gli appalti di Pessina

Il servizio è firmato da Emanuele Bellano e parte dal salvataggio del quotidiano che fu di Antonio Gramsci: «Salvare un grande giornale di partito dal crac è qualcosa che serve a garantire il pluralismo o invece piuttosto a gonfiare il portafoglio dei privati accorsi al capezzale?», si chiede Report nella presentazione. «Nel 2014 L’Unità è sull’orlo del fallimento. Le rotative del giornale di riferimento della sinistra italiana di cui è socio il Partito Democratico si fermano e il quotidiano non va in edicola per alcuni mesi. Il salvataggio avviene all’inizio del 2015. Il nuovo socio finanziatore è il costruttore milanese Massimo Pessina insieme al suo braccio destro e amministratore delegato Guido Stefanelli. Come sono cambiate le sorti della Pessina Costruzioni da quando i suoi proprietari sono diventati soci del Partito Democratico?».

massimo pessina
Massimo Pessina

La storia si fonda sulle parole di un testimone coperto dall’anonimato. Nel 2014 il gruppo Pessina è in difficoltà a causa del crollo degli utili e dell’esaurimento di molte commesse mentre il quotidiano perde 400mila euro al mese. L’uomo riferisce di un colloquio con Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito Democratico: “Quando eravamo al tavolo – dice il testimone alla trasmissione di Rai3 – a Bonifazi dicevo: ‘Non sta in piedi: o il giornale fa 20mila copie oppure lasciamo perdere’. E lui: ‘No, si fa meglio, qui, là e su e giù…’. Guido era molto confidente su questa roba, era una sorta di merce di scambio”.

Pessina e gli appalti Eni per l’Unità

Secondo il testimone l’entrata di Pessina Costruzioni nell’azionariato dell’Unità è stata una merce di scambio per l’aggiudicazione da parte del gruppo di alcuni appalti ENI in Kazakistan. “I discorsi del tempo – continua – giravano intorno a una sorta di scambio politico, nel senso: mi fai la cortesia di…? e io ti farò la cortesia di…”. L’appalto riguardava la costruzione di case per tecnici e dirigenti in zona. Matteo Fago, che all’epoca aveva il 51% dell’Unità, sostiene che avrebbe voluto ricapitalizzare il giornale con dieci milioni di Renzi ma fu respinto. E all’epoca Bonifazi gli chiese di far entrare Pessina.

renzi unità eni pessina francesco bonifazi
Francesco Bonifazi, tesoriere del Partito Democratico

Nell’inchiesta compare anche Sergio Staino, che si è dimesso qualche giorno fa dalla direzione del quotidiano per dissidi con la proprietà. Staino racconta che il quotidiano vende 7mila copie al giorno e, su Pessina, sostiene: “Penso che la sua azienda, lavorando molto all’estero, abbia visto nel governo Renzi, che all’estero guardavamolto, un elemento di facilitazione. Non c’è nulla di male”. Fago dice di aver incontrato Stefanelli e racconta: “Era tornato da un viaggio in Kazakistan… disse che aveva visto una roba dell’Eni, che doveva costruire ville per l’Eni…”.

Matteo Renzi e la smentita a Report

La Pessina costruzioni Kz oggi lavora in Kazakistan per il Consorzio Kpo, controllato da Shell ed Eni, entrambe impegnate nella gestione dell’enorme giacimento di petrolio e gas di Karachaganak. La società è stata costituita proprio nei giorni in cui veniva completato l’acquisto dell’Unità. KPO non ha però rapporti con Pessina, precisa l’ENI. Raccontava Il Fatto sulla Pessina all’epoca del closing:

Si tratta di un’azienda edile, capitanata da Massimo Pessina, con circa 70 milioni di fatturato, meno di un milione di utile e quasi 100 milioni di debiti, di cui 40 verso le banche (bilancio 2012). Si è distinta nella costruzione della nuova Regione Lombardia, di Malpensa 2000 e della nuova fiera di Milano.
Per la cronaca, la Pessina Costruzioni, si può trovare tra le società che finanziarono l’ex presidente della Provincia di Milano, e dominus del “sistema Sesto”, Filippo Penati, con 15 mila euro. Il nome dei Pessina, inoltre, figura anche nella lista dei “furbetti di San Marino”, quei 1200 evasori che avevano nascosto decine di milioni di euro nelle banche del piccolo stato appenninico tra cui la Smi Bank.

sergio staino
Il socio locale è il consorzio “Aksai industriale park”, che firma un accordo con KPO. Pessina ottiene lavori su 9 progetti ma a Report precisa che la società è inattiva. La camera di commercio kazaka, invece, comunica che il suo bilancio vale 450mila euro.

Pessina, l’ospedale di La Spezia e la CONSIP

Pessina ottiene protocolli per lo sviluppo di 5 ospedali – due in fase di avanzamento – in project financing. E nel 2015 l’azienda prende commesse per ben 236 milioni di euro. Si parlò anche dell’appalto per l’ospedale di La Spezia dopo una serie di articoli del Fatto e di Libero. Ma all’epoca la Pessina Costruzioni smentì ogni ricostruzione “maliziosa”:

La Pessina Costruzioni Spa diffida poi anche gli esponenti politici che per motivi elettorali hanno deciso di infangare il nome della nostra società, arbitrariamente sovrapponendo l’assegnazione dell’appalto per la costruzione e gestione del nuovo ospedale di La Spezia, con la partecipazione alla nuova azienda editrice che sta lavorando per riportare il giornale l’Unità in edicola.
Nella vicenda che riguarda l’assegnazione dell’appalto per il nuovo ospedale di La Spezia, la Pessina Costruzioni Spa ha partecipato ad una regolare procedura di gara pubblica bandita in data 21 giugno 2014, in conformità alla disciplina del Codice dei contratti pubblici.

renzi unità eni pessina 2
Matteo Renzi, segnala il Fatto, minaccia querele. E a Report invia poche righe, firmate da un avvocato: si tratta di notizie false, diffamatorie e calunniose, scrive il legale, annunciando “le opportune iniziative giudiziarie contro chi assumerà la responsabilità di avvalorarla e diffonderla”.
EDIT: L’ENI torna a smentire Report:

La notizia riportata dal Il Fatto Quotidiano e da Report e’ “falsa, diffamatoria e lesiva della reputazione di Eni”. La smentita e’ contenuta in una nota della societa’: “Oggi il Fatto Quotidiano anticipa in un suo articolo il contenuto di un servizio che la trasmissione Report intenderebbe mandare in onda questa sera circa alcuni appalti che sarebbero stati affidati alla societa’ Pessina Costruzioni in Kazakhstan da Eni o dal consorzio Kpo (partecipato da Eni al 29.25%). Secondo la ricostruzione effettuata da Report, avallata dal Fatto Quotidiano, tali appalti rientrerebbero nell’ambito di un presunto accordo dell’imprenditore Massimo Pessina con non meglio identificati esponenti politici per rilevare il quotidiano l’Unita’. Al riguardo, – si legge – Eni smentisce nuovamente e fermamente la notizia riportata dal Fatto Quotidiano e da Report e precisa che non vi sono in essere contratti con la societa’ Pessina Costruzioni per lavori in Kazakhstan o altrove, conclusi direttamente o tramite proprie affiliate. Inoltre, nessun contratto e’ in essere ne’ vi e’ mai stato fra il consorzio Kpo e la societa’ Pessina Costruzioni. Le notizie riportata dal Fatto Quotidiano e da Report e’ pertanto falsa, diffamatoria e lesiva della reputazione di Eni. Eni – conclude la nota – si riserva il diritto di agire in giudizio nelle sedi piu’ opportune a tutela dei propri diritti e della propria immagine”.