Attualità

Fase 2: quando sono obbligatorie le mascherine per gli adulti e per i bambini

Le mascherine sono obbligatorie negli ambienti chiusi aperti al pubblico, sui mezzi di trasporto, negli esercizi commerciali, non negli spazi aperti tranne dove non ci sia la garanzia della distanza di sicurezza

fase due obbligo mascherine

Quando sono obbligatorie le mascherine per adulti e bambini nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19 dal 4 maggio? Le mascherine sono obbligatorie negli ambienti chiusi aperti al pubblico, sui mezzi di trasporto, negli esercizi commerciali, non negli spazi aperti tranne dove non ci sia la garanzia della distanza di sicurezza. Possono farne a meno i bambini sotto i sei anni e i disabili Ma alcune regioni le prescrivono sempre, nel Lazio anche in strada se si parla con qualcuno. Anche per i funerali c’è l’obbligo di mascherina.

coronavirus mascherine
Mascherine: i tipi e gli utilizzi (La Stampa, 4 aprile 2020)

Anche le aziende e i cantieri che riaprono devono ottemperare a tutti i vincoli di sicurezza già fissati con il dpcm del 26 aprile scorso, tra cui la garanzia di distanze tra i lavoratori, ambienti sanificati, l’utilizzo di mascherine e altri presidi sanitari. Dovranno essere indossate in tutte le situazioni in cui non sia possibile garantire in modo continuativo il mantenimento delle distanze di sicurezza.

mascherine ffp2 ffp3 chi deve usarle
Mascherine: chi può usarle e chi non deve usarle (La Repubblica, 5 aprile 2020)

E nelle scuole? Spiega oggi il Messaggero che si attende la circolare del ministero dell’Istruzione:

Stando alle indicazioni che interessano i posti di lavoro, è prevista la misurazione della temperatura corporea: «Servirà uno scanner, non potremo certo usare un semplice termometro di quelli che hanno le scuole per tutti i giorni, spiega Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi – o sarà sufficiente dichiarare di aver misurato la febbre prima di entrare a scuola?E se qualcuno si dovesse ammalare?» Sarebbe un disastro dover bloccare le procedure e mettere tutti in quarantena. La maturità muove, ogni anno, circa 500mila studenti e migliaia di docenti. Controllare le misure di sicurezza resta quindi fondamentale.

«Sarà complicato anche formare le commissioni visto che molti docenti hanno più di 50 anni e per l’Inail i 55enni sono a rischio. È necessario definire specifici protocolli di sicurezza. Servono regole chiare e servono subito».Intanto, in attesa dell’ordinanza ministeriale, le scuole si stanno già organizzando: «Ci stiamo confrontando per individuare le aule più idonee per evitare assembramenti – spiega Mario Rusconi, presidente Anp Roma e Lazio – e assicurarci che tutti i servizi igienici siano funzionanti per garantire la fruibilità e la pulizia continua. Inoltre gli spazi esterni come cortili e giardini vanno sistemati e tenuti in ordine». Intanto l’università sta seguendo una strada decisamente diversa: lauree ed esami procedono online.

Leggi anche: Lucia Azzolina e le classi alterne a scuola a settembre