Attualità

Matteo Renzi: chi paga la spesa dell'ex premier disoccupato?

matteo renzi spesa chi

Wanda Marra sul Fatto Quotidiano, giornale da sempre molto premuroso nei confronti di Matteo Renzi, si fa oggi una domanda e si dà una risposta riguardo un quesito che angosciava dal Manzanarre al Reno: di cosa vive oggi l’ex premier disoccupato? La risposta però è semplice: sta scrivendo un libro per Feltrinelli, «qualcosa tipo: “La vera storia di #enricostaisereno”, ovvero il racconto della sua scalata a Palazzo Chigi dal di dentro, che dovrebbe uscire in febbraio. Il libro è la fonte di guadagno:

E così eccolo intento a scrivere,come il suo celebre antesignano fiorentino, Niccolò Machiavelli. Quest’ultimo raccontava, in una celebre lettera all’amico Francesco Vettori, di come a sera si spogliasse di “quella veste cotidiana, piena di fango e di loto”per mettersi “panni reali e curiali”e parlare con gli antichi: i libri. L’ex Rottamatore consegna frammenti della sua vita quotidiana agli epistolari frammentari su WhatsApp. Non avesse potuto vivere d’arte, il partito avrebbe magari dovuto dargli uno stipendio. Questione che poteva rivelarsi spinosa: da Regolamento il Pd non deve automaticamente pagare un suo dirigente, né è previsto un compenso standard.
Sarebbe toccato al tesoriere democratico – che poi è Francesco Bonifazi, fedelissimo di Renzi della prima ora – stanziare una cifra. Non ci sarebbe stato bisogno del via libera di alcun organo di partito,a parte informare il comitato di tesoreria, che peraltro è composto solo da renziani.

luca lotti servizi segreti delega gentiloni
Luca Lotti a colloquio con Matteo Renzi

Una soluzione che non sarebbe piaciuta al segretario: guai a sembrare al pubblico un funzionario di partito. Tanto più che attualmente nessun componente della segreteria è pagato dal Pd (hanno tutti indennità di carica – parlamentari, sindaci, governatori –a eccezione di Filippo Taddei, che non è retribuito perché docente universitario). IL TIMORE non dichiarato dei suoi, invece, era che ne ricevesse uno magari come rimborso spese – da una qualche Fondazione della sua “galassia”con inevitabile coda di polemiche. Per fortuna, dunque, a “sfamare”l’ex premier e famiglia ci penseranno la passione letteraria e Feltrinelli.

Leggi sull’argomento: Luca Lotti: tutta la storia dell’indagine sulla Consip