Attualità

L'incendio alle Ferrovie di Bologna per sabotare la manifestazione di Salvini

salvini bologna

Forti rallentamenti dalle 4 di questa mattina nel nodo di Bologna a causa di un incendio doloso. Lasciate scritte contro il razzismo e la chiusura delle frontiere. Il fuoco è stato appiccato ai cavi della trasmissione dati per la gestione del traffico ferroviario. Ferrovie spiega che sono interessate le linee da e per Milano e Verona. Indagano Polfer e Digos. Sono stati bruciati i cavi elettrici interrati nella sottostazione elettrica in zona Santa Viola, nella periferia della città. E vicino è stata trovata una scritta a terra con vernice rossa: “8-11, sabotare un mondo di razzisti e di frontiere”.

L’incendio alle Ferrovie per fermare la manifestazione di Salvini

A Bologna stamani è attesa la manifestazione della Lega Nord con Matteo Salvini e l’adesione del centrodestra con Berlusconi e Meloni e una serie di contromanifestazioni. Per i danni dell’attentato tutti i collegamenti con il capoluogo milanese avvengono con percorsi alternativi. Sul posto squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana. L’incendio dei cavi ha provocato l’immediata attivazione dei sistemi di sicurezza. Per i treni Alta Velocità previsto il servizio viaggiatori nella stazione di superficie.

Oggi pomeriggio, alle 14, saranno ancora assieme a scattarsi un selfie davanti alla televisione, e ci sarà anche Giorgia Meloni, a tifare per la rincorsa di Valentino Rossi a Valencia. In mezzo, quella piazza di Bologna che li vedrà uno dietro l’altro salire sul palco. Con Berlusconi che, come a voler sminare il terreno da qualsiasi polemica, ha già fatto sapere al segretario del Carroccio di «non aver alcun tipo di problema dal punto di vista del cerimoniale». Come a dire, «fatemi parlare per primo, secondo o terzo, scegliete voi, per me va bene tutto». Va in scena oggi la prima prova plastica di un centrodestra nuovamente ricompattato. Dieci interventi di altrettanti cittadini in difficoltà — uno per categoria — prima. E, a seguire, i discorsi di Berlusconi, Meloni e Salvini, qui in rigoroso ordine alfabetico.

A Bologna sono attesi almeno 700 pullman da tutta Italia. In piazza Maggiore gli organizzatori si aspettano 100 mila persone. Vicino a uno dei punti dati alle fiamme è stato trovato lo stoppaccio di garza imbevuto di liquido infiammabile, usato per appiccare le fiamme. Per il ripristito totale delle attività si stimano 8 ore di lavoro. Per i treni che arrivano da nord, si crea un percorso alternativo a nord di Bologna, alla stazione di Lavino, dove i treni vengono fatti passare dalla linea tradizionale. Il leader della Lega prende la palla al balzo e commenta:

I tortellini contro Salvini


Edit: verso il completo ripristino della circolazione ferroviaria a Bologna:

La situazione delle linee ferroviarie colpite dai disagi dopo l’incendio doloso nei pressi di Bologna sta ritornando alla normalità: è stato completato il ripristino di circa il 70% dei binari. Le linee AV Bologna Milano e Bologna-Verona sono operative in direzione Sud, mentre si sta procedendo al ripristino in direzione Nord. Ok in entrambe le direzioni anche sulla convenzionale Bologna-Milano. Anche i ritardi dei treni si sono molto ridimensionati e riguardano ormai pochi convogli.