Attualità

L'aberrante titolo de "La Verità" sul fascismo che non è un problema

neXt quotidiano|

La Verità

Le pretestuose pretese di chiamarsi “La Verità” fornendo ai lettori una versione assolutamente di parte (e della parte sempre più a destra) è già il sintomo di un qualcosa che va a di là della mera informazione giornalistica. E per questo motivo titolo aberranti come quello pubblicato oggi, martedì 12 ottobre, non sorprende ma lascia comunque allibiti per la controversa posizione (una delle tante, negli ultimi mesi) dal quotidiano diretto da Maurizio Belpietro. Citando il Green Pass, di fatto, si parla del fascismo che “non è un problema”.

La Verità e l’aberrante titolo sul fascismo che non è un problema

Nonostante l’evidente matrice (con tanto di rivendicazioni) sugli episodi di sabato scorso a Roma – dall’assalto alla sede della CGIL fino al piano per arrivare fino a Palazzo Chigi – orchestrati dagli esponenti neofascisti di Forza Nuova, per Maurizio Belpietro, che firma anche l’editoriale in prima pagina, non c’è un problema fascismo in Italia. Perché per lui – e per il suo giornale – il vero problema è il Green Pass.

D’altronde il suo quotidiano è noto per le posizioni prese nei confronti della certificazione verde, ma anche dei vaccini. E, molte volte, le narrazioni hanno ammiccato al mondo dei no vax, con tanto di storie che poi si sono rivelate bufale. Come nel caso della miocardite del calciatore del Sassuolo Pedro Obiang, che ha avuto un’infiammazione cardiaca ma lo stesso medico che lo ha curato ha smentito la correlazione con il vaccino. Insomma, posizioni ben note che oggi travalicano il confine del buon senso con una faciloneria imbarazzante. Perché il sistema è sempre lo stesso: quando Forza Nuova (in passato CasaPound e altri movimenti neofascisti) si macchia di episodi di violenza, la stampa “sovranista” accorre in massa per tentare di rinchiudere il tutto dietro la definizione di “episodi isolati”. E anche oggi Maurizio Belpietro riesce in questa impresa, indicando il Green Pass come vero problema. E non il fascismo.