Attualità

La zona bianca: l’isola che non c’è

Nel Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio dovrebbe essere istituita anche la “zona bianca” riservata alle regioni con RT inferiore a 0,5. Per ora il traguardo sembra irragiungibile da tutti ma, spiega il Mattino, le regioni che più si avvicinano al target sono Abruzzo, Toscana e Liguria

zona biANCA QUALI REGIONI

Nel Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio dovrebbe essere istituita anche la “zona bianca” riservata alle regioni con RT inferiore a 0,5. Per ora il traguardo sembra irragiungibile da tutti ma, spiega il Mattino, le regioni che più si avvicinano al target sono Abruzzo, Toscana e Liguria:

La fascia bianca -che dovrebbe aggiungersi a rosse, arancioni e gialle con il prossimo Dpcm previsto entro il 16 gennaio – intende dare una speranza agli italiani perché scatterà solo per e aree con nuovi contagi quasi azzerati e strutture sanitarie non in affanno. Rimarrebbe obbligatoria la mascherina all’aperto e alchiuso, il distanziamento di almeno un metro tra le persone, il divieto di assembramento e l’obbligo di disinfettare le mani prima di entrare nei locali e anche quando si entra in contatto con le altre persone. In fascia bianca gli spostamenti sarebbero liberi e potrebbe anche essere rinviato l’orario del coprifuoco. Sarà ovviamente il Comitato tecnico scientifico a dover stabilire i parametri per l’ingresso delle Regioni nella ipotetica ascia bianca. Sembra scontato che l’Rt debba essere inferiore allo 0,5 ma la discussione è stata appena avviata e riguarda anche gli altri indicatori,primo fra tutti la resilienza degli ospedali e in particolare i reparti Covid. Tutte le Regioni sono lontane da questo parametrio che paraltro cambia ogni settimana. Quelle che hanno meno contagi in proporzione alla popolazione in questa fase sembrano essere Toscana,Abruzzo e Liguria