Attualità

La storia del favore di Renzi ad Amazon con il bonus cultura

carta docente amazon bonus cultura

La legge di Bilancio 2017 ha rifinanziato anche per il prossimo anno il bonus cultura 18enni (e il bonus strumenti musicali per gli studenti iscritti ai percorsi di studio specifici). Con una novità: sarà possibile spendere il bonus da 500 euro anche per l’acquisto di dischi nonché di corsi di musica, di teatro e di lingua straniera. Decisamente una grande notizia per i diciottenni che compieranno gli anni nel 2017.
carta docente amazon bonus cultura

Cos’è il Bonus Cultura da 500 euro per i diciottenni

Per tutti coloro che invece invece li hanno compiuti nel 2016 c’è tempo ancora fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi tramite SPID (il Sistema pubblico per l’identità digitale) al Bonus Cultura e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il bonus che però non potrà essere utilizzato per l’acquisto di Cd LP e Dvd (ma con la Card si potranno acquistare libri e biglietti per andare al cinema, entrare ai musei, ad eventi culturali ed assistere a concerti o a spettacoli di teatro e di danza). Per sapere come e soprattutto in quali negozi (fisici o online) spendere il bonus è sufficiente consultare il portale 18App e scegliere la tipologia di negozio e la categoria merceologica del buono. Nel frattempo, e visto che il bonus per il 2016 è stato erogato solo a partire dal 3 novembre chi volesse qualche consiglio per gli acquisti oppure volesse districarsi nei meandri dei regolamenti (soprattutto per quanto riguarda gli acquisti online) è stato aperto su Facebook il gruppo non ufficiale 18app – Bonus Cultura 500€ 18enni.
carta docente amazon bonus cultura

La Carta del Docente da 500 e il “regalo” ad Amazon

Ma non esiste solo la card per i diciottenni: c’è anche la Carta del Docente, sempre di importo pari a 500 euro, dedicata agli insegnanti di ruolo (full time o part time) assunti nelle scuole statali. Il meccanismo per ottenere i buoni spesa è simile a quello del Bonus Cultura, sarà necessaria anche qui la registrazione al SPID e tutte le informazioni del caso sono reperibili sul sito cartadeldocente.istruzione.it e ovviamente anche su quello del MIUR. Il bonus dei docenti potrà essere speso per l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento (svolti da enti accreditati presso il Ministero) e per l’iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale. Ma i buoni spesa potranno anche essere utilizzati comprare i biglietti d’ingresso a musei o rappresentazioni teatrali e cinematografiche e per l’acquisto di libri. Così come per i neo diciottenni anche i docenti potranno utilizzare i buoni solo in alcuni esercizi commerciali (fisici o online) specifici.

carta docente amazon bonus cultura
Fonte: Il Fatto Quotidiano del 27/12/2016

Ed è proprio su questo punto che ieri un articolo di Barbara Cataldi sul Fatto Quotidiano accendeva l’attenzione sul “regalo” fatto dal Governo Renzi ad Amazon. Fermo restando che volendo utilizzare i buoni spesa nei negozi fisici c’è – nelle grandi città – solo l’imbarazzo della scelta sulle librerie (solitamente grandi catene) aderenti per chi abita in piccoli centri (ma anche in città di medie dimensioni come Vicenza, Padova, Siena, Bergamo, Ancona, Benevento, Udine etc) l’alternativa più comoda è quella di rivolgersi agli store online. Qui, secondo quanto scrive il Fatto ci sono “solo 19 negozi online” alcuni sono effettivamente poco noti ma a parte alcune case editrici (come Laterza, Alpha test e La tecnica della scuola) le principali librerie online ci sono tutte: ci sono Scuolastore (di Giunti) e Libri.it, c’è Mondadoristore, c’è IBS e c’è ovviamente anche Amazon che ha già preparato una pagina specifica per spiegare il funzionamento dei buoni sul sito (così come ha fatto anche Scuolastore). Il problema riportato dal Fatto nasce soprattutto per quanto riguarda gli acquisti online di materiale informatico (software e hardware), effettivamente a parte Amazon non c’è nessun altra catena dell’informatica di consumo come Mediaworld (che pure è presente come punto vendita accreditato tra gli store fisici in parecchie città) Unieuro o Euronics. Secondo quanto ha dichiarato al Fatto da Davide Rossi, direttore generale di Aires, l’associazione italiana retailer elettrodomestici specializzati, la colpa è del sistema di accreditamento che favorirebbe alcuni negozi online a discapito di altri:

È il sistema di accreditamento che fa cilecca, ovvero quello a cui devono far ricorso i punti vendita per entrare nell’elenco dei retailer mappati dal sito a disposizione degli insegnanti. La piattaforma informatica, gestita
da AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale, e da Sogei, società in house del ministero dell’Economia, sta creando di fatto corsie preferenziali per qualcuno, per via di una procedura farraginosa e inefficiente, insomma favorisce
alcune imprese a discapito di altre, le cui richieste rimangono su un binario morto.

La colpa sarebbe imputabile al fatto che il direttore di AgID, fortemente voluto da Renzi, è Diego Piacentini che è stato uno dei manager di Amazon Italia e che quindi – è la tesi del Fatto Quotidiano – starebbe favorendo il colosso USA. Non si spiega però, né al Fatto fanno delle ipotesi in merito, come mai diversi punti vendita di Mediaworld, Trony e Unieuro siano presenti nella lista dei retailer fisici accreditati sul portale.

Se davvero qualcuno – come sostiene il direttore dell’associazione di categoria (che sicuramente non ha nessun interesse a contrastare l’avanzata di Amazon) – stesse agevolando Amazon non si spiega come mai i principali bookstore online italiani siano tutti presenti nella lista dei venditori accreditati dove poter spendere il Bonus Cultura o la Carta del Docente.

Del resto è immaginabile che sia il settore della vendita di libri (e anche degli ereader perché non esiste solo il Kindle) e non quello di strumenti informatici quello dove docenti e soprattutto studenti spenderanno la maggior parte del bonus. Forse Mediaworld (e le altre grandi catene) ha preferito puntare sui punti vendita e non sull’ecommerce? C’è inoltre da dire che gli esercenti hanno tempo fino al 30 giugno 2017 per registrarsi nel sistema e che i diciottenni hanno tempo fino a fine 2017 per spendere il bonus mentre per i docenti il termine ultimo per l’utilizzo della Carta è fissato con la fine dell’anno scolastico ovvero il 31 agosto 2017.